Cerca

Calcioscommesse - Catanzaro partirà da -5

Sconterà la penalizzazione nell'imminente campionato di serie B. Tra le altre decisioni della commissione disciplinare della Lega di serie C, tre anni e otto mesi di squalifica per Salvatore Ambrosino (Grosseto), tre anni e 6 mesi per Gianni Califano (Chieti), tre anni per Pasquale Lo Giudice (Catanzaro)
FIRENZE - Tre anni e otto mesi di squalifica per Salvatore Ambrosino (Grosseto), tre anni e 6 mesi per Gianni Califano (Chieti), tre anni per Pasquale Lo Giudice (Catanzaro), prosciolte tutte le società coinvolte nell'inchiesta escluso il Catanzaro, per il quale è stata disposta una penalizzazione di 5 punti da scontarsi nel prossimo campionato.
Queste le principali decisioni prese dalla commissione disciplinare dalla Lega di serie C, che stamani ha emesso la sentenza sul processo relativo allo scandalo del calcio-scommesse in serie C. Le altre decisioni contenute nel dispositivo della sentenza (per emetterla oggi, la Commissione ha lavorato ininterrottamente fino alle 2 della notte di sabato e ieri fino alle 23): tra i giocatori, 5 mesi di squalifica per Giuseppe Alessi (Spezia), Fabrizio Ferrigno (Catanzaro), Ivano Pastore (Catanzaro), Luca Gentili (Catanzaro) e Alberto Nocerino (Benevento); prosciolti Vincenzo Bevo (Igea Virtus Barcellona), Fabio De Sanzo (Palmese), Firmino Elia (Pro Patria) e Luis Landini (Sassuolo).
I legali dei soggetti interessati da oggi potranno ricorrere in appello alla Caf (che domani, tra l' altro, si riunisce per deliberare sulla sentenza emessa dalla Disciplinare a Milano nel filone processuale relativo alla serie A e B). A quel punto - come ha spiegato stamani la stessa Commissione di C - per un pronunciamento della Caf occorreranno un paio di settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400