Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 12:31

Il Matera ora vola verso la finale contro il Pianura

«Un secondo tempo devastante. Stiamo attraversando un ottimo periodo e lo abbiamo dimostrato». Si sintetizza così il pensiero di Carretta, autore della terza rete del Matera, che ieri ha conquistato la finale playoff della serie D di calcio, superando il Pomezia per 3-0. Un successo maturato nella ripresa, dopo un primo tempo di sofferenza, con le reti di Albano, Conte e appunto Carretta
Il Matera ora vola verso la finale contro il Pianura
di Nanni Veglia

MATERA _ «Un secondo tempo devastante. Stiamo attraversando un ottimo periodo e lo abbiamo dimostrato». Si sintetizza così il pensiero di Mirko Carretta, autore della terza rete del Matera, che ieri ha conquistato la finale playoff, superando il Pomezia per 3-0. Un successo maturato nella ripresa, dopo un primo tempo di sofferenza, con le reti di Diego Albano, Antonio Conte e dello stesso Carretta. «Nell’intervallo il mister ci ha detto di restare tranquilli, che potevamo farcela e di non mollare - riprende il centrocampista biancazzurro -. Non siamo inferiori al Pomezia, stiamo fisicamente anche meglio di loro e nel secondo tempo siamo cresciuti alla distanza. Il rigore sbagliato da Albano ad inizio ripresa? Non ci ha condizionato assolutamente, sapevamo che il trend era cambiato e lo stesso Diego ha reagito da grande campione qual è. La nostra forza è nel gruppo, che non si abbatte e non molla mai. Dedico il gol alla mia famiglia e alla mia fidanzata. Il Pianura? È una grandissima squadra, ma una finale è una finale e ce la giocheremo». Mister Roberto Rizzo è visibilmente soddisfatto ed ha solo parole di elogi per i suoi ragazzi. «Questa squadra ha delle risorse caratteriali al di sopra della media. Non ho alcun tipo di timore quando i miei giocatori sono in campo - commenta il tecnico salentino -. Ho cominciato con tre attaccanti puri, per cercare di limitare i loro esterni difensivi, che abbiamo sofferto all’andata. Poi sono venuti fuori carattere e determinazione, e la squadra ha saputo mettere in mostra le sue qualità. Bellissimo il gol di Conte, giocatore duttile e importante che meritava questa soddisfazione, ma bravi tutti i ragazzi, che si sono mostrati superiori al Pomezia, in particolare un plauso alla difesa, che è stata superlativa». Rizzo ha concesso un giorno di riposo in più alla squadra, che riprenderà ad allenarsi mercoledì pomeriggio per preparare la finale di domenica con il Pianura. «Una squadra forte, ma noi dobbiamo guardare sempre e solo in casa nostra», ha concluso il tecnico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione