Cerca

Maradona jr «bipartisan» «Tifo Argentina e Italia»

A «Nova Yardinia», dove da ieri a domani è di scena la prima tappa della serie A di beach soccer, c'è il figlio d'arte più famoso del calcio italiano. Diego Armando Maradona Junior è il capitano e proprietario della Martos Napoli campione d'Italia. Ha bocciato le scelte mondieli del padre («avrei convocato Zanetti e Cambiasso») e di Lippi («assurdo che uno come Cassano resti fuori»)
Maradona jr «bipartisan» «Tifo Argentina e Italia»
di ANGELO LORETO

CASTELLANETA MARINA - «Tifo Argentina, ma allo stesso tempo tengo per l’Italia». A «Nova Yardinia», dove da ieri a domani è di scena la prima tappa della serie A di beach soccer, c'è il figlio d'arte più famoso del calcio italiano. Diego Armando Maradona Junior è il capitano e proprietario della Martos Napoli campione d'Italia. Una club di famiglia - ci gioca il cugino 15enne Roberto, il ds è suo zio, la segretaria è la sua fidanzata - presieduto da sua madre, Cristina Sinagra, la donna che ebbe un figlio dal «pibe de oro», il quale inizialmente smentì ma infine lo riconobbe. Diego Junior si racconta alla «Gazzetta» dopo la vittoria nel match inaugurale di ieri.

Diego, com'è il rapporto con suo padre?

«Non ci vediamo da cinque anni ma c'è un ottimo rapporto con tutti i miei famigliari in Argentina».

Che ne pensa dell'Argentina ai mondiali di Sudafrica?

«Ha iniziato molte bene, penso che quest'anno abbia la squadra più forte che abbia mai avuto».

Come giudica le scelte di suo padre di non convocare Cambiasso e Zanetti e di tenere in panchina Milito?

«Io personalmente li avrei convocati. Ritengo che Milito sia il giocatore più forte che l'Argentina abbia dopo Messi, però finora si sta rivelando giusta la scelta di mio padre di far giocare Higuain - 3 gol finora al Mondiale, ndr -. E se continuerà a segnare penso che per Milito ci sarà davvero poco spazio».

Maradona, per lei è stato più forte suo padre o Pelè?

(Sorride) «Non lo dico perché uno è mio padre e l'altro, come ha detto mio padre, è un pezzo da museo, ma penso non ci sia storia. Pelè ha fatto grandi cose da essere umano, mio padre ha fatto cose che gli esseri umani si sognano».

A proposito di convocazioni, che ne pensa della scelta di Lippi di lasciar fuori Cassano?

«Penso sia assurdo che uno come Cassano resti fuori. Oltre che un grande giocatore è uno che, venuto dalla strada come me, sa essere di immagine e sa parlare alla gente».

Secondo lei chi vince il Mondiale?

«Ho fatto un pronostico ma non lo dico».

Ci dica almeno per chi tifa lei.

«Tifo per l'Argentina, per il bene che voglio ai parenti che sono lì. Ma allo stesso tempo, anche perché ho indossato la maglia azzurra dell'under 17 che nel beach soccer, tifo per l'Italia. Ma non chiedetemi chi tiferei in una finale Italia-Argentina, starei troppo male... ».

I RISULTATIPrima giornata della tappa centro-sud del campionato italiano di beach soccer: Terracina-Eboli 7-6, Panarea Catanzaro-Roma 2-10, Catania-Mare di Roma 16-4, Feldi Catanzaro Martos Napoli 2-3, Belpassese-Bari 2-5.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400