Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 15:07

Al Rally del Salento una giornata di fuoco

Al termine delle sei prove speciali proposte dalla seconda giornata, la quarantaquattresima edizione della corsa (organizzata da «Ciocco Centro Motori» e dall’Automobile Club di Lecce in collaborazione con la Scuderia Piloti Salentini, prova valida quale terza tappa del campionato italiano rally) parla straniero. Al comando della graduatoria c’è il ceco Kopecky
Al Rally del Salento una giornata di fuoco
LECCE - Al termine delle sei prove speciali proposte dalla seconda giornata, la quarantaquattresima edizione del Rally del Salento (organizzata da «Ciocco Centro Motori» e dall’Automobile Club di Lecce in collaborazione con la Scuderia Piloti Salentini, prova valida quale terza tappa del campionato italiano rally) parla straniero. Al comando della graduatoria, infatti, c’è Jan Kopecky, nato ad Opocno, nella Repubblica Ceca, navigato dal connazionale Peter Stary, su Skoda Fabia S2000. Il pilota ceco è balzato in vetta alla classifica in occasione del terzo passaggio nella prova speciale di Santa Cesarea, nella quale ha scavalcato Giandomenico Basso, consolidando successivamente la leadership nella tornata di Miggiano, la terza ed ultima della giornata.

Kopecky capeggia la graduatoria provvisoria con il tempo di 48”05”0. Lo seguono Basso, navigato da Mattia Dotta, su Abarth Grande Punto S2000, a 3”7, Paolo Andreucci, co-equipier Anna Andreussi, su Peugeot 207 S2000, a 15”1, Renato Travaglia, accanto al quale gareggia Lorenzo Granai, su Peugeot 207 S2000, a 28”0, e Luca Rossetti, leader della classifica del campionato italiano, accanto al quale siede Matteo Chiarcossi, su Abarth Grande Punto S2000, a 30”5.

Nell’odierna ultima tappa, pertanto, può ancora accadere di tutto, anche se la lotta per il successo assoluto sembra riservata a Kopecky, Basso ed Andreucci, divisi l’uno dall’altro da una manciata di secondi.

Delle sei speciali in programma ieri, tre sono state vinte da Andreucci, che è sfrecciato al comando in tutti e tre i passaggi a Santa Cesarea (in 6’14”0, in 6’07”6 ed in 6’06”0), due da Kopecky, che ha chiuso al comando la prima e la terza prova di Miggiano (in 8’39”8 ed in 8’33”3) ed una da Basso, che ha primeggiato in quel di Miggiano, nella seconda tornata (in 8’36”2).

[Antonio Calò]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione