Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 07:54

Annata da incorniciare per le gemelle Caracuta

Valeria ha disputato il suo primo campionato di A1 di volley femminile con la maglia del Castellana, mentre Laura ha vinto il torneo di C, centrando il salto in B-2, torneo nel quale aveva già militato prima di decidere di sospendere momentaneamente la propria attività pallavolistica per dedicarsi allo studio
Annata da incorniciare per le gemelle Caracuta
Annata agonistica da incorniciare, quella 2009/2010, per le gemelle Caracuta. Valeria ha disputato il suo primo campionato di A-1 con la maglia del Castellana, mentre Laura ha vinto il torneo di C, centrando il salto in B-2, torneo nel quale aveva già militato prima di decidere di sospendere momentaneamente la propria attività pallavolistica per dedicarsi allo studio.

«Mi sono affacciata per la prima volta in carriera nell’olimpo del volley nazionale femminile e naturalmente non potevo pretendere di essere titolare – afferma Valeria Caracuta – Sono partita dalla panchina, ma con il trascorrere del tempo ho avuto sempre più spazio. Il coach Donato Radogna ha dimostrato di avere fiducia in me, facendomi sentire utile per la causa e comunque importante in seno al gruppo, che mi ha accolta benissimo sin dall’inizio. La soddisfazione più bella a livello personale l’ho ottenuta ad Urbino, dove sono entrata in campo sullo 0-2 in un match-chiave per la salvezza matematica e l’andamento della sfida è mutato radicalmente, tanto che abbiamo vinto per 3-2 – aggiunge Valeria Caracuta – Radogna mi ha seguita costantemente anche durante le sedute di allenamento, dimostrandosi prodigo di consigli. Insomma, ho vissuto un’esperienza molto bella ed assai formativa, a dispetto dei problemi economici con i quali ha dovuto fare i conti la società che, però, ha fatto il possibile per onorare ogni impegno».

Nel futuro prossimo, Valeria Caracuta vorrebbe giocare con maggiore continuità.

«Non conosco ancora la mia destinazione per la stagione 2010/2011 – dice – Personalmente preferirei tornare a cimentarmi in A-2 da titolare, in quanto ho appena 22 anni e credo di potere continuare a crescere e maturare solo andando in campo di continuo. Ho dei contatti, ma è presto per stabilire la mia destinazione».

Laura Caracuta ha trionfato in serie C nel 2008/2009, con il San Pietro Vernotico, e si è ripetuta nell’annata 2009/2010, con il Trepuzzi. «E’ stata una bella emozione – sostiene – La società aveva messo su un team in grado di lottare in alto, ma non immaginavamo di approdare direttamente in B-2. Nella finale contro il Noci abbiamo superato l’handicap di disputare in trasferta due partite su tre, a causa del quale il pronostico ci era contrario. Invece, dopo avere vinto nettamente gara-1 e dopo avere perso altrettanto nettamente gara-2, ci siamo imposte al tie-break nella bella, facendo festa – prosegue Laura Caracuta – Attualmente mi sto godendo la bella soddisfazione che mi sono regalata con le compagne di team. Circa il futuro, se resterò a Trepuzzi, l’anno prossimo disputerò per la seconda volta la quarta serie nazionale, nella quale mi sono già cimentata nel 2005/2006, con il Benevento».

[a.c.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione