Cerca

Pennetta star a Gallipoli per il Premio Barocco

La ventottenne tennista brindisina, di nuovo numero dieci della classifica mondiale, ha ricevuto la Galatea salentina. Elegantissima, ha sfilato sul palco insieme con altri personaggi: Emilio Solfrizzi, Enrico Mentana, Maria Grazia Cucinotta e Gerard Depardieu (cui sono state consegnate le «chiavi del Salento»). Serata conclusa con le note di Azzurro: quale messaggio migliore per la nostra Nazionale di calcio?
Pennetta star a Gallipoli per il Premio Barocco
di Giuseppe Albahari

GALLIPOLI - Fabrizio Frizzi ce l’ha fatta a presentare la 41ma edizione del «meraviglioso» Premio Barocco di Gallipoli: ha superato la concorrenza «interna» di Carlo Conti (premiato con la Galatea Salentina del maestro Egidio Ambrosetti, quest’anno più aurea che mai) ed ha veleggiato sicuro, tra voci di «ragazzi che hanno lasciato una canzone» coccolati da una sempre brava Emanuela Aureli-in-versione-Antonella Clerici, del coro dell’orchestra Terra d’Otranto (le sonorità dei maestri diretti da Antonio Palazzo), di Renzo Arbore (chapeau per il ricordo di Nicola Arigliano), di Alessandra Amoroso.

Premi e certezze: Emilio Solfrizzi (nostalgia di barzellette), Flavia Pennetta (è una sex symbol), Enrico Mentana (ha una «passionaccia») Maria Grazia Cucinotta (L’inganno d’un invidiato lenzuolo), Gerard Depardieu (e qui la parentesi serve per dire che la consegna delle «chiavi del Salento» non lascerà acque chete). Premi e imprenditori: Angelo Maci, Luigi Blasi e Francesco Amadori.

L’immensità la vedi tutta nel tango, e che tango, di Natalia Titova e Samuel Peron; «la dolcezza» nella statua di cioccolato di Manuela Arcuri (ancora tutti a demolire e sgranocchiare cioccolata, un’ora dopo il collegamento); «la solidarietà» è il tratto caratteristico del Premio Barocco, edizione 2010, nelle parole del patron Fernando Cartenì. Il regista Sergio Di Blasi affida l’arrivederci all’anno prossimo alle note di Azzurro: quale messaggio migliore per la nostra Nazionale ai Mondiali di calcio?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400