Mercoledì 15 Agosto 2018 | 09:42

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Al Milan la Supercoppa Tim, 1-0 con la Lazio

Basta un tempo ai rossoneri per fare emergere la propria superiorità al cospetto di un avversario volenterosa che ha retto bene fino alla prima realizzazione ma che poi non ha avuto la forza di rimontare
MILANO - Primo trofeo della stagione per il Milan che si aggiudica la Supercoppa Tim superando per 3-0 la Lazio con una tripletta di Andriy Shevchenko. Basta un tempo ai rossoneri per fare emergere la propria superiorità al cospetto di un avversario volenteroso che ha retto bene fino alla prima realizzazione dell'ucraino ma che poi non ha avuto la forza di rimontare. Nessun particolare problema per Carlo Ancelotti, nonostante qualche assenza importante. Il tecnico rossonero schiera Rui Costa nel ruolo di Pirlo, impegnato con la nazionale olimpica, e in attacco si affida alla coppia Shevchenko-Tomasson con Crespo in panchina. Mimmo Caso lascia inizialmente fuori Paolo Di Canio e nonostante la rosa ristretta e le tante partenze eccellenti oppone un undici di tutto rispetto. La prima occasione della partita è per i biancocelesti: al 4' Muzzi sfugge sulla sinistra, serve indietro rasoterra a Zauri che fa partire un sinistro velenoso, bravo Maldini a salvare con una scivolata. Il Milan replica al 12' con una traversa di Maldini: azione insistia sulla sinistra del difensore rossonero che scambia con Shevchenko e poi conclude colpendo in pieno il legno alto della porta. In campo si mantiene l'equilibrio, le due squadre mostrano qualche bella giocata ma non mancano neppure le imprecisioni. Il Milan cerca di farsi pericoloso ma la Lazio è ben messa in campo, gioca con criterio e si propone con improvvise accelerazioni. Al 31' si fa apprezzare lo spagnolo Oscar Lopez, fresco di transfer, che con una provvidenziale rovesciata in area evita l'intervento di shevchenko e kakà.
Al 36' il Milan passa con una bella girata al volo di sinistro di Shevchenko che mette il pallone nell'angolo alla destra di Peruzzi dopo un perfetto assist di Ambrosini dalla sinistra. La Lazio accenna una reazione ma la manovra appare un po' troppo lenta per graffiare. E' il Milan invece a colpire ancora al 43' mettendo in bacheca il trofeo già al termine della prima frazione: perfetto cross dalla sinistra di Paolo Maldini e preciso colpo di testa del solito Shevchenko che anticipa Oddo e non dà scampo all'incolpevole Peruzzi. Il tempo si chiude con una grande occasione per Kaka che manda da distanza ravvicinata alto sopra la traversa. Si torna in campo con le stesse formazioni e la musica non cambia perchè dopo pochi secondi Cafu al termine di una bella giocata manda di poco a lato con una girata di sinistro. Il Milan non ha problemi a controllare la partita e Caso al 10' si gioca la carta Di Canio mandato in campo al posto di Cesar e salutato con una ovazione dal pubblico di fede laziale. I biancocelesti ci provano al 14' quando Dabo serve a Muzzi un ottima palla davanti a Dida che l'attaccante si fa togliere da Nesta. Ma è veramente poco per dare un volto diverso alla partita, la Lazio non decolla e si fanno strada stanchezza e sfiducia; il Milan segna ancora al 31' con un gran destro al volo dal limite dell'aria di Shevchenko e porta a casa la quinta supercoppa italiana della storia. Unica nota stonata in casa rossonera la contrattura di Crespo che ha dovuto lasciare il campo 8' dopo essere entrato.

TABELLINO
MILAN: Dida sv; Cafu 6.5, Nesta 6, Stam 6, Maldini 7; Gattuso 6.5, Rui Costa 6, Ambrosini 6.5 (32' st Dhorasoo sv); Kakà 6; Shevchenko 7, Tomasson 6 (30' st Crespo sv, 37' st Serginho).
In panchina: Abbiati, Kaladze, Costacurta, Crespo, Brocchi.
Allenatore: Ancelotti.
LAZIO: Peruzzi 6; Oddo 5.5, Negro 5.5, Couto 5.5 (32' st Sannibale sv), Zauri 5.5; Lopez 6, Dabo 5.5, Giannichedda 5, Liverani 5, Cesar 5 (10' st Di Canio 5.5); Muzzi 5. In panchina: Sereni, Pandev, Corsi, Angeletti, De Sousa.
Allenatore: Caso.
ARBITRO: Collina di Viareggio 6.
RETI: 36' pt, 43' pt, 31' st Shevchenko.
NOTE: serata calda, terreno in buone condizioni. Spettatori: 40 mila. Ammoniti: nessuno. Angoli: 12-1 per il Milan. Recupero: 1' pt, 0' st.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS