Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 07:39

Scherma, con Tricarico la Puglia sul tetto d’Italia

Un titolo italiano del Circolo schermistico Dauno nella sciabola giovanissimi e cinque terzi posti sono il bilancio dell’edizione 2010 del Gran premio giovanissimi. Tricarico ha superato il sanseverese Minischetti 10-7 in un derby tutto pugliese in semifinale, mentre nella finalissima ha travolto Ritorto del Cs Ariccia con un netto 10-5. Come da tradizione, sciabola pugliese sugli scudi
Scherma, con Tricarico la Puglia sul tetto d’Italia
FOGGIA - Un titolo italiano con Flavio Tricarico del Circolo schermistico Dauno nella sciabola giovanissimi e cinque terzi posti rappresentano il bilancio della scherma pugliese per l’edizione 2010 del Gran premio giovanissimi.

Tricarico ha superato nell’ordine Marco Del Colletto (Navacchio Pisa) per 10-4, Francesco Carnevali (Cs Terni) per 10-5, Eros Pegolo (Gemina Udine) per 10-6, il sanseverese Minischetti 10-7 in un derby tutto pugliese in semifinale, mentre nella finalissima ha travolto Edoardo Ritorto del Cs Ariccia con un netto 10-5.

Sono saliti sul podio altri cinque sciabolatori: il già citato Raffaele Minischetti del Club scherma San Severo nella categoria giovanissimi, Margherita Pappolla della Scherma Trani nella categoria ragazze, Ciro Tomaselli del Circolo schermistico Dauno e Pietro Irmici del Club scherma San Severo nella categoria Allievi e Saul Morlino del Circolo schermistico Dauno nella categoria ragazzi.

Come da tradizione, è stata dunque la sciabola a regalare le migliori soddisfazioni alla scherma di Puglia ma il bilancio avrebbe potuto essere ancora più consistente se un pizzico di malasorte non avesse condizionato i nostri schermidori negli assalti decisivi.

Nelle classifiche a squadre il Circolo schermistico Dauno si piazza al terzo posto nella sciabola e al settimo in classifica generale, risultando così la prima società del ranking in tutta l’Italia meridionale.

Intanto, grande affermazione per la scherma pugliese anche nelle finali di Coppa Italia disputate ad Adria grazie al successo del foggiano Fabrizio Verrone, in forza alle Fiamme Gialle, nella gara di sciabola maschile. Verrone, apparso subito in condizioni smaglianti, ha sconfitto in sequenza Emanuele Vilmercati (Cs Ariccia) per 15-12, Enrico Navarria (Gemina Udine) per 15-9, Amedeo Giani (Cs Torino) ancora per 15-9, Gianluca Filippi (Cs Ariccia) per 15-6 e Leonardo Affede (Cs Roma) per 14-12 prima di superare in finale Dobrin Gionov del Comini Padova col punteggio di 15-14.

Nella stessa gara da segnalare il quinto posto del sanseverese Claudio Ceci, tesserato per il Club scherma Roma, mentre nella sciabola femminile il miglior risultato è l’ottavo di finale di Ramona Cataleta della Scherma Trani. Sempre ad Adria si sono disputati anche i campionati italiani a squadre di serie A2, con l’ottavo posto per la Scherma Trani nella sciabola femminile e per il Circolo schermistico Dauno nella sciabola maschile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione