Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 01:47

Rally, Fasano si prepara arriva la Coppa della Selva

Sono in corso le ultime verifiche sugli allestimenti. Il progetto da realizzare è quello della 53ª coppa Selva di Fasano, 4ª prova del campionato italiano velocità della montagna. Un evento che nasce con nuovi impulsi promozionali, sia per la specialità motoristica delle cronoscalate, sia per il territorio che lo ospita. La preparazione del tracciato avrà inizio domenica, con la collocazione del materiale per realizzare il percorso
Rally, Fasano si prepara arriva la Coppa della Selva
FASANO - A Fasano sono in corso le ultime verifiche sugli allestimenti, sotto l’organizzazione della Egnathia Corse e con la direzione generale della nuova presidente Laura De Mola, in carica dalla scorsa stagione. Il progetto da realizzare è quello della 53ª coppa Selva di Fasano, 4ª prova del campionato italiano velocità della montagna. Un evento che nasce con nuovi impulsi promozionali, sia per la specialità motoristica delle cronoscalate, sia per il territorio che lo ospita. La preparazione del tracciato avrà inizio domenica, con la collocazione del materiale che servirà a realizzare il percorso.

La scheda tecnica della gara La linea di partenza è posta sulla ss 172, a 124 metri sul livello del mare, alla periferia di Fasano. L’arrivo è a Selva di Fasano, in viale Toledo, a 430 metri di altitudine. Per collegare i due punti si percorrono 5600 metri di un tratto misto-veloce, rallentato da un tornante (la Vernesina, nella prima parte del tracciato) e da due chicanes artificiali, volute per innalzare il livello di sicurezza. «I lavori sul percorso iniziano una settimana prima», spiega Laura De Mola. «Bisogna mettere in posizione i pneumatici per realizzare le chicanes e per proteggere l’esterno delle curve, oltre a trasportare l’attrezzatura dei commissari di percorso in corrispondenza delle rispettive 17 postazioni». 

Uomini e mezziFacile a dirsi, ma per mettere in pratica questo programma sono necessari ben 100 uomini, addestrati a dovere per «creare» il percorso, utilizzando gli innumerevoli pneumatici di protezione, valutabili in diverse migliaia, e le 300 transenne per recintare le aree riservate. Altri 100 sono gli steward addetti alla sicurezza, distribuiti lungo il tracciato e al lavoro fin dalle prove del sabato, inizio ufficiale del programma. L’attrezzatura di sicurezza prevede 60 estintori di vario tipo, piazzati lungo un percorso sul quale sono pronti a intervenire 12 mezzi di soccorso. Gli steward sono al fianco di ulteriori 100 commissari di percorso, che utilizzano una ricca dotazione di tabelle di segnalazione, bandiere e attrezzatura di servizio. Si tratta in totale di un esercito di 300 persone, coordinate della Egnathia Corse con la collaborazione della Fasano corse e del suo presidente Oronzo Pezzolla. Un esercito di appassionati, che replicano anno dopo anno una tra le più longeve manifestazioni del motorsport.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione