Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 00:19

Potenza, per Galigani arriva il giorno dell’addio

Galigani non è più il direttore generale del club lucano. Ha annunciato le sue «dimissioni irrevocabili» ieri mattina. I «gravi motivi», espressi in un comunicato, riguardano «interferenze interne ed esterne alla gestione ed alla violazione della mia privacy». La remissione dell’incarico verrà ratificata lunedì, nell’assemblea ordinaria dei soci, convocata per le ore 15.30 dall’amministratore unico Arcieri, a sua volta dimissionario
Potenza, per Galigani arriva il giorno dell’addio
di Antonino Palumbo

POTENZA - Vittorio Galigani non è più il direttore generale del Potenza Sport Club. Ha annunciato le sue «dimissioni irrevocabili» ieri mattina. I «gravi motivi», espressi in un comunicato dall’ex dg rossoblu, riguardano «interferenze interne ed esterne alla gestione ed alla violazione della mia privacy». La remissione dell’incarico verrà ratificata domani, nell’assemblea ordinaria dei soci, convocata per le ore 15.30 dall’amministratore unico Donato Arcieri, che rassegnerà a sua volta le dimissioni.

Galigani ha spiegato che lascia il sodalizio lucano «nella certezza di aver sempre operato, nel corso della stagione, per il bene dei colori rossoblù. Assieme a chi mi è stato accanto e nonostante le gravi e grandi difficoltà che abbiamo dovuto superare ed a una immagine deturpata del Potenza per responsabilità di altri, siamo riusciti a regalare ai tifosi ed alla città intera il mantenimento della categoria professionistica, avvalendoci della preparazione di un pool validissimo guidato dall’avvocato Eduardo Chiacchio». Il successo più grande della stagione, per il Potenza, è stato infatti quello ottenuto davanti all’Arbitrato del Coni, che ha trasformato la radiazione decisa dalla Corte Federale (per i fatti di Potenza-Salernitana del 2008) in retrocessione in Seconda Divisione.

Oltre a ringraziare Arcieri, mister Capuano, ai giocatori «che ci sono rimasti fedeli», Galigani ha ringraziato i collaboratori «che, nei momenti più difficili, mi hanno trasmesso la forza di non abbandonare prima». E rivolto «un caloroso abbraccio simbolico a tutti i tifosi del “Leone” con l’auspicio di poterci incontrare di nuovo in un prossimo futuro».

Nell’odg dell’assemblea di domani, ci sono anche la rendicontazione della situazione economica, patrimoniale e finanziaria, e l’approvazione semestrale 2009. Su quale potrebbe essere il futuro prossimo del potenza, Arcieri ha detto che «bisognerebbe chiedere alla Calpel». In merito alla questione sollevata dai legali della proprietà, sull’assenza di rappresentanti all’interno della Figc, Arcieri ha chiarito che «sia io che Galigani, ben sapendo di poter incorrere in squalifiche, per colpe non nostre, avevamo fatto nominare come procuratore speciale con delega alla rappresentanza federale un dirigente del settore giovanile, Gino Polino». Il legale della Calpel, Francesco Andretta, ha fatto sapere che la proprietà ha «congelato» l’addio a Galigani e Arcieri e deciso di prender parte all’assemblea di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione