Cerca

Castellana con Lattari in A1 Carpinelli smonta i sospetti

Le parole del numero uno giallo-blu tendono a smentire le voci circolate prima degli spareggi-promozione che davano la Mater già in A1: «La decisione di acquisire il titolo da Taranto è maturata a conclusione dei playoff. Con molta probabilità saremmo stati i favoriti in caso di ripescaggio, eventualità quasi certa vista la situazione disastrosa di molte società. Ma la Lega avrebbe potuto preferire una delle retrocesse»
Castellana con Lattari in A1 Carpinelli smonta i sospetti
di Gianluca Cascione

CASTELLANA - Il sogno dell'A1, inseguito con tanto ardore durante la stagione, finalmente è divenuto realtà. Una promozione sfuggita solo a causa di un regolamento penalizzante la New Mater, in vetta al campionato di A2 per quasi tutta la stagione. La massima serie di pallavolo è stata raggiunta dalla porta secondaria, ma questo non sminuisce il valore del sodalizio gialloblù. La Bcc-Nep sarà la portabandiera pugliese della pallavolo nazionale maschile visto che il titolo della Prisma Taranto passa dalla costa jonica nella capitale delle grotte. «Abbiamo trovato un accordo con la società del presidente Bongiovanni - esordisce sprizzante di entusiasmo Gaetano Carpinelli - il quale si è dimostrato sensibile alla nostra causa riempiendoci di attestati di stima. Lui stesso ha sottolineato come Castellana sia stata privata di una promozione giustamente conquistata a causa di regole molto strane. Abbiamo constatato la volontà del patron tarantino di lasciare la pallavolo e di conservare in Puglia il titolo di A1. Ci sentivamo moralmente vincitori - continua Carpinelli - nonostante l'esito negativo della stagione».

Le parole del numero uno giallo-blu tendono a smentire le voci circolate prima degli spareggi-promozione che davano la Mater già in A1: «La decisione è maturata a conclusione dei playoff. Con molta probabilità saremmo stati i favoriti in caso di ripescaggio, eventualità quasi certa vista la situazione disastrosa di molte società. Ma la Lega avrebbe potuto preferire una delle retrocesse a noi. Avremmo dovuto aspettare oltre metà luglio per avere il responso, perdendo, di fatto, la possibilità di poter partecipare attivamente alle fasi di mercato». Proprio l'allestimento della squadra sarà il passo successivo da compiere. Toccherà al direttore sportivo Vito Primavera curare, insieme al confermato allenatore basiliano Radamés Lattari, la campagna acquisti. Inalterato, quindi, l'organigramma societario e smentita la notizia che assegnava la presidenza onoraria proprio a Tonio Bongiovanni. Per il secondo anno consecutivo, perciò, il numero uno della New Mater sarà il 49enne dottore commercialista castellanese: «Il pensiero va a tutti coloro che mi sono stati accanto e a tutti i concittadini amanti della pallavolo locale. Da tempo siamo seguiti copiosamente, molti ci hanno incitato in trasferta, passando la notte in auto. Spero che la gente continui a sostenerci».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400