Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 07:42

Il Cras: «Prendiamoci lo scudetto» Domenica gara decisiva a Taranto

The day after senza paura. Dopo ko del PalaCampagnola (la serie della finale playoff di basket femminile è sul 2-2) la squadra di Ricchini ha «voglia di riscatto, perché lo scudetto è il nostro obiettivo dall’inizio di questa stagione». Parola del capitano Siccardi, la quale aggiunge: «Malgrado gli alti bassi, abbiamo dimostrato con il finale del match di Schio, di essere vive e capaci di poterle battere». Biglietti esauriti
Il Cras: «Prendiamoci lo scudetto» Domenica gara decisiva a Taranto
TARANTO - The day after senza paura. Per il Cras, il dopo ko del PalaCampagnola di Schio, è pervaso dalla “voglia di riscatto, perché lo scudetto è il nostro obiettivo dall’inizio di questa stagione”. Parola del capitano Valentina Siccardi. La guardia brindisina spiega che “Taranto, nonostante gli alti bassi, ha dimostrato con il finale del match di Schio, di essere viva e capace di poter battere un avversario spigoloso”.

SICCARDI: “SERVE CONCENTRAZIONE” - Ma cosa è accaduto alla squadra rossoblù dopo la partenza super nella saga tricolore segnata dal doppio successo? La tensione ha giocato un brutto scherzo alle campionesse d’Italia? “Non nego che la squadra stia attraversando un momento di difficoltà – risponde la giocatrice brindisina – sicuramente in gara-3 abbiamo subito una certa pressione, ma ieri a Schio abbiamo lottato. Il problema è che i nostri tiri solitamente vincenti, non sono entrati. C’è tensione, ma la paura non esiste. Domenica torneremo a casa nostra. Sono sicura che il Cras giocherà da Cras. Serve concentrazione per poter ritrovare una pallacanestro costante, capace di imbrigliare la Famila, che ha dimostrato di meritare questa finale-scudetto. In campo stanno giocando squadre spettacolari, che offrono uno spot vincente del movimento”.

RIFLETTORI SU MASCIADRI - Ricchini ha dato fiducia a Siccardi dal primo minuto del quarto atto tricolore. Obiettivo marcatura sulla killer scledense Raffaella Masciadri, che nel terzo match al PalaMazzola aveva inguaiato Taranto con 21 punti. Ieri sera, complice anche Siccardi, la formazione rossoblù ha dimostrato di poterla contenere. Ma nel finale la guardia di casa ha creato il solco della sfida, prezioso per il 2-2, con la tripla che ha mandato all’aria l’eroica rimonta firmata dalla tripla di Michelle Greco ad un minuto dalla fine. Qual è il pensiero di Siccardi su una bandiera della nazionale azzurra? “Masciadri è un ottima giocatrice, rispettabile, ma Taranto può contenerla. Lo ha fatto già in diversi momenti di questa finale-scudetto. A maggior ragione lo dovrà fare domenica nel match decisivo. Il discorso non vale solo per questa giocatrice – appunta Siccardi - ma anche per tutte le nostre avversarie, perché con una difesa guardinga possiamo limitare Schio e poi rilanciarci in attacco”.

GLI ULTIMI ALLENAMENTI - Il Cras si ritroverà oggi alle ore 19 al PalaMazzola di Taranto per allenarsi con Roberto Ricchini. Lo staff tecnico, in accordo con la società, terrà le ultime sedute (compresa quella di domani) a porte chiuse per garantire la concentrazione in vista del match che assegnerà lo scudetto. “Il Cras ce la può fare. E da parte nostra – chiude Siccardi – avremo il grosso aiuto del pubblico”.

GIANOLLA OK, BRUNSON SOTTO OSSERVAZIONE - Nessun problema per il play del Taranto Angela GIanolla, uscita per un problema alla caviglia in gara-4 della finale scudetto. Mentre per quanto riguarda la botta subita alla schiena da Rebekkah Brunson, costretta ad uscire anzitempo dal match, lo staff medico rossoblù rende noto che la giocatrice resterà sotto osservazione. Ma la cestista americana non dovrebbe aver problemi nel recuperare ed essere disponibile per la partita di domenica, che si giocherà alle ore 18.

BIGLIETTI ESAURITI - La società pugliese comunica che la prevendita si è «esaurita» già oggi pomeriggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione