Cerca

Cassano: «All'Italia ci penso sempre»

L'attaccante barese della Sampdoria è stato escluso dal Mondiale in Sudafrica dal ct Lippi. E allora pensa al matrimonio (19 giugno) con Carolina: «È la donna della mia vita. Mi ha regalato l’equilibrio. Non ho più bisogno di fare il matto per essere felice, perché c'è lei. Se non l’avessi incontrata, a quest’ora stavo in gattabuia. Alla maglia azzurra io ci penso sempre. È lei che non pensa a me»
Cassano: «All'Italia ci penso sempre»
ROMA - «Carolina è la donna della mia vita. Mi ha regalato l’equilibrio. Non ho più bisogno di fare il matto per essere felice, perchè c'è lei. Se non l’avessi incontrata, a quest’ora stavo in gattabuia». Antonio Cassano, bomber della Sampdoria, dichiara a Donna Moderna il suo amore per la fidanzata che sposerà il 19 giugno (non vuole aggiungere ulteriori particolari perché dice «ora sono geloso della mia vita privata»).

A proposito di Balotelli, il baby talento dell’Inter che conquista le copertine per le sue reazioni spesso impulsive, Cassano afferma: «Io e Mario ci assomigliamo. Lo conosco: è un bravo ragazzo, ma si fa trasportare troppo dall’istinto. Poi ha soltanto 19 anni. Io alla sua età ero anche peggio: un pazzo scatenato, non ascoltavo nessuno. Però alla fine l’ho pagata. Non ho vinto niente. Ecco, spero che Balotelli trovi qualcuno che gli insegni la strada giusta. Perché devi essere convinto tu, di cambiare, ma ci vuole chi ti fa maturare».

E in merito all’esclusione dalla spedizione in Sudafrica, il 'Pibe di Bari” confida: «Alla maglia azzurra io ci penso sempre. È lei che non pensa a me».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400