Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 08:12

Castellana, fiato ancora sospeso mercoledì il biglietto per la finale

Alla Bcc-Nep non riesce l'impresa di espugnare l'ostico Pala Bertoni e, così, è costretta a disputare mercoledì sera a Castellana (ore 20,30) la terza e decisiva sfida delle semifinali playoff di A2 maschile di pallavolo. Difficile fare di più per il sestetto di Lattari che non è riuscito a giocare con continuità fino alla fine della gara. Un grande peccato perché i gialloblù sono partiti con il piglio giusto. Finisce 3-1
Castellana, fiato ancora sospeso mercoledì il biglietto per la finale
Crema-Castellana 3-1 

Crema: Baranowicz 5 - Cazzaniga 22; Rosso 12 – Serafim 10; Finazzi 11 – Patriarca 9; Ricci Petitoni (L); Alletti, Corti. N.e: Andreotti Pardini, Mazzonelli, Silva. All. Monti.
Bcc-Nep Castellana: Mattera 5 - Guerra 12; Popelka 5 - Gallotta 15; Insalata 7 - Jardel 9, Vicini (L); Castellano, Guglielmi (L), Giosa, Matheus. N.e. De Palma, Pagano. All. Lattari.
Arbitri: Cerquoni e Balboni di Torino
NOTE: Progressione set: 26-28 (31’), 25-18 (25’), 25-19 (26’), 25-21 (28'). Tot. 1h50' Crema: b.s. 21, b.v. 8; Castellana: b.s. 21, b.v. 3.

BARI - Come ipotizzato alla vigilia alla Bcc-Nep non riesce l'impresa di espugnare l'ostico Pala Bertoni e, così, è costretta a disputare mercoledì sera a Castellana (ore 20,30) la terza e decisiva sfida delle semifinali playoff. Difficile fare di più per il sestetto di Radamés Lattari che non è riuscito a giocare con continuità fino alla fine della gara. Un grande peccato perché i gialloblù sono partiti con il piglio giusto macinando punti sin dalle prime battute. Invece, dopo la rimonta cremasca fallita nel primo set, la squadra gialloblu si è disunita, mancando nel collettivo e nel carattere e giocando con poca concentrazione. Ancora una volta i lombardi hanno dimostrato di essere invincibili tra le proprie mura dove hanno costruito, nella stagione regolare, il prestigioso quarto posto in classifica e cedendo solamente una volta nel girone di andata contro Massa. Intanto la M. Roma di mister Andrea Giani riesce nell'impresa di eliminare Bologna in due sole partite (netto 3-0 sotto i colpi di Poey, mattatore dell'incontro con 17 punti), guadagna la finale e attende la sfidante della prima gara di sabato 8 maggio (seconda partita mercoledì 12 ed eventuale 'bella' il sabato seguente).

Crema all'inizio è contratta e non riesce a contrastare il muro avversario: la Mater ne approfitta (2-6). Il turno in battuta dell'ex Rosso porta il set ai vantaggi (da 20-24 a 24-24): gli ospiti riescono con difficoltà a frenare l'impeto lombardo e chiudono grazie al servizio di Jardel (26-28).

Nettamente più equilibrato il secondo parziale con le squadre che non riescono a prevalere: nella seconda metà del set Crema trova il guizzo decisivo (20-15): Rosso e Cazzaniga sigillano il 25-18. Crema ribalta il break di Popelka (12-14) con il solito Cazzaniga (19-16), Rosso continua ad imperversare al servizio (22-17): conclude Baranowicz con un ace (25-19).

I cremaschi giocano meglio anche nel quarto set: sotto ai due tempi tecnici, Crema sfrutta ancora il turno battuta: Jardel sbaglia al servizio e rimanda l'esito delle semifinali a mercoledì (25-21).

[gi. ca.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione