Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 00:58

L’Andria pensa positivo  per la sfida dei tanti ex

di ALDO LOSITO 
ANDRIA - Il derby della verità. Una partita che potrebbe rivelarsi decisiva per la salvezza di Andria e Taranto. Gli azzurri si recano in terra jonica con una condizione psicofisica ottimale. Il buon ruolino di marcia delle ultime prestazioni, unito ad una eccellente tenuta atletica hanno fatto salire le quotazioni degli azzurri.
L’Andria pensa positivo  per la sfida dei tanti ex
di ALDO LOSITO 

ANDRIA - Il derby della verità. Una partita che potrebbe rivelarsi decisiva per la salvezza di Andria e Taranto. Gli azzurri si recano in terra jonica con una condizione psicofisica ottimale. Il buon ruolino di marcia delle ultime prestazioni, unito ad una eccellente tenuta atletica hanno fatto salire le quotazioni degli azzurri. «Siamo consapevoli di trovare un clima infuocato domenica - commenta Gigi Anaclerio - ma sono altrettanto convinto che riusciremo a disputare la nostra partita, come abbiamo sempre fatto in altri campi difficili». Anaclerio ha recuperato dagli acciacchi fisici che lo hanno costretto a stare in panchina domenica scorsa. 

«Sto bene - dice l’attaccante - spero di tornare in campo e griffare la mia prestazione con un bel gol che, da barese, avrebbe un doppio valore. In questa stagione non ho segnato tantissimo, quindi spero di lasciare il segno nella fase più importante che vale la salvezza diretta». Sarà la sfida dei tanti ex che non vogliono certamente fare brutta figura contro la vecchia squadra. A partire dal tecnico Aldo Papagni che proprio a Taranto ha fatto benissimo. Nella rosa dell’Andria ci sono anche due calciatori come Paolucci e Mezavilla, su cui gli jonici non hanno puntato in questo campionato. Paolucci era con i rossoblu nello scorso campionato, mentre Mezavilla è rimasto alla corte del presidente D’Addario fino allo scorso gennaio. Proprio questi due calciatori saranno i perni del gioco andriese, che avrà in Chiaretti e Doumbia il supporto sulle corsie esterne. In avanti appare scontata la riproposizione del tandem Anaclerio-Sy, mentre Lacarra e Dionigi (altro ex) potrebbero tornare utili in corso d’opera. Piena fiducia al pacchetto arretrato che punta sulle parate di Spadavecchia e sulla sicurezza dei due centrali Pomante e Sibilano. In qualità di terzini dovrebbero partire Pierotti e capitan Di Simone. A seguire gli azzurri non ci potranno essere i tifosi andriesi, dopo il divieto del prefetto di Taranto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione