Cerca

Brindisi, che gioia «E fra due anni...» Il video della festa

È finita in trionfo. Con il «Nessun dorma», l'aria della Turandot, cantato da Al Bano. E con coach Perdichizzi che, con la voce rotta dall’emozione, ha chiosato: «Regaliamo a Brindisi un sogno che porta tutta la città nel Paradiso della pallacanestro» e con il proprietario Ferrarese che ha annunciato: «Fra due anni saremo nel lotto delle squadre che primeggiano in A». La gara con Latina finisce 106-73
Brindisi, che gioia «E fra due anni...» Il video della festa
ENEL BRINDISI-LATINA 106-73 

ENEL BRINDISI Crispin 21 (1/2, 5/6) (2/3, 2/3), Maresca 12 (3/3, 2/5), Thomas 19 (6/8, 1/1), Radulovic 11 (4/5, 0/4), Infante 11 (3/4, 1/2); Bryan 9 (4/7), Pinton 10 (3/5, 1/3), Cardinali 4 (2/2, 0/2), Coviello 2 (1/1, 0/2), Malagoli 7 (2/3, 1/1, Vorzillo. All. Perdichizzi.
AB LATINA Eldridge 12 (4/14, 1/4), Ferrero 9 (4/9), Cutolo 17 (6/8, 1/5), Bosak 15 (6/10, 1/4), Smith 8 (1/2, 2/3); Livera 8 (2/4), Coronini (0/2), Cantagalli (0/3), Marcante 2 (1/2, 0/1), D’Anolfo 2 (1/2, 0/2).All. Ciaboco.
ARBITRI Caroti, Bertelli, Bartoli.
NOTE Progressione quarti: 27-27, 58-45, 87-58. Tiri liberi: E 15/19, L 8/12. Rimbalzi: E 43 (Radulovic e Bryan 7), L 34 (Bosak 6). Assist: E 6 (Maresca 3), L 1 (Eldridge 1).

BRINDISI - È finita in trionfo. Com’era stata annunciata. Con il «Nessun dorma», la celebre aria della Turandot, cantata da Al Bano. E con coach Perdichizzi che, con la voce rotta dall’emozione, ha chiosato: «Regaliamo a Brindisi un sogno, uno stupendo sogno, che porta tutta la città nel Paradiso della pallacanestro» e con il proprietario della squadra brindisina, Massimo Ferrarese, che ha annunciato: «Fra due anni saremo nel lotto delle squadre che primeggiano nella massima serie».

La gara con l’AB Latina, la squadra che aveva già salutato la LegaDue una settimana fa, ha vissuto in equilibrio un solo tempino. Fino al 27 pari. Poi è stato un crescendo del caterpillar azionato dagli stupendi uomini di Perdichizzi che, senza forzare i ritmi più di tanto, hanno iniziato a martellare il canestro fino a chiudere il primo tempo con tredici lunghezze di vantaggio: 58-45.

Nel secondo tempo, iniziato con due punti realizzati da Radulovic (60-45), sono stati Maresca, Crispin, Cardinali e Infante a portare l’Enel Basket sul +24 (81-55), e con il baby Malagoli ad incrementare il vantaggio fino all’85-56, con applausi convinti per il giovane pivot di Brindisi.

Negli ultimi 10’ coach Giovanni Perdichizzi ha concesso la passerella finale a tutti i suoi giocatori. Così, senza distinzione di ruoli, importanza e colore, sotto gli scroscianti applausi del popolo del palaElio sono sfilati tutti gli undici giocatori a refeto. La gente è andata letteralmente in visibilio quando Joe Crispin ha messo a segno tre punti che hanno fatto saltare il muro dei cento punti, portando il risultato sul 101-71: trenta lunghezze di vantaggio. Gli ultimi due canestri della serata portano la firma di Mauro Pinton e Riccardo Coviello per il 106-73 finale.

Quindi, la festa con il presidente della LegaDue, Marco Bonamico, che ha consegnato a Massimo Ferrarese la coppa assegnata ai vincitori del campionato.

Che dire? È stata una cavalcata stupenda. Perdichizi, il promotore del «dieci» proposto all’attenzione della LegaDue, ha offerto un gioco che, soprattutto negli ultimi due mesi è stato a dir poco spettacolare. La squadra è cresciuta in manera esponenziale proprio sul campo del Banco di Sardegna Sassari. La formazione che, fino a quel momento, aveva dominato la stagione, facendo intendere che non avrebbe mai mollato la prima posizione in classifica. Invece, è stata proprio l’Enel Basket ad infliggere la prima vera scoppola della stagione alla squadra sarda andando a vincere in Sardegna e bissando poi quel successo in Coppa Italia, ribadendo la sua forza e facendo intendere a tutte le altre squadre che, per loro, non ci sarebbe stata trippa per gatti. Così, la «banda Perdichizzi» ha costruito il suo grande capolavoro.

Franco De Simone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400