Cerca

Basket, Brindisi in A Il ritorno dopo 29 anni

I brindisini sono nella massima serie del basket maschile. Un sogno dopo 29 anni. La vittoria degli «acerrimi» nemici di sempre, i giocatori del Veroli, che ieri sera hanno battuto Sassari 85-74 Sassari, promuove, a tre giornate dalla conclusione della stagione regolare della LegaDue, la squadra del patron Ferrarese, allenata Perdichizzi. Ininfluente la sconfitta a Scafati (72-59) 
 A Brindisi alle 22:30 esplode la passione
• Il coach: «È questa la vittoria più bella»
• Le tappe del cammino verso la promozione
• Ma sul nuovo palazzetto maggioranza in pezzi
Basket, Brindisi in A Il ritorno dopo 29 anni
di FRANCO DE SIMONE 

BRINDISI - L’Enel Basket è in serie A. La vittoria degli «acerrimi» nemici di sempre, i giocatori della Prima Veroli, che ieri sera hanno battuto 85-74 il Banco Sardegna Sassari, promuove, a tre giornate dalla conclusione della stagione regolare del campionato di LegaDue, la squadra del patron Massimo Ferrarese, allenata da coach Giovanni Perdichizzi. Oggi, Michele Cardinali e soci affronteranno la Bialetti Scafati. Sarà una gara uguale a tutte le altre, che i biancazzurri con la determinazione e la voglia di vincere di sempre, intenzionati come sono a chiudere il girone di ritorno senza passi falsi. 

Dunque, l’Enel Basket ce l’ha fatta. Da assoluta protagonista, mettendo la freccia al momento giusto e sorpassando, con abilità e maestria i team che la precedevano in classifica, assestandosi sulla poltrona più alta e più comoda, controllando le inseguitrici, dimostrando grande voglia di vincere, offrendo in ogni caso, uno spettacolo degno del consenso unan ime. Coach Perdichizzi, ieri sera, ha portato all’incasso la sua ottava promozione, la seconda a Brindisi, dall’Eccellenza alla LegaDue e ora alla A. 

«Generalmente - afferma il 49enne tecnico di Barcellona Pozzo di Gotto - si dice che tutte le vittorie siano belle, e che non ce ne sia una in particolare che faccia gioire più della ltre. Perché figlie del lavoro profuso assieme a manipoli di giocatori che ho avuto la fortuna di allenare. Ma quest’ultima, se mi è consentito, è la più bella. Ci sono molti motivi che mi portano a questa conclusione. Una su tutte, l’indefinibile voglia di affermarsi di tutti i giocatori; quella di aver creato, sin dalle prime battute della stagione, un gruppo coeso che con il trascorrere dei giorni si è sempre più cementato. Sono orgoglioso di aver avuto la possibilità di allenare questi atleti; lo sono di più per aver conosciuto e convissuto una intera stagione con uomini dalla inattaccabile integrità morale, grandi professionisti». 

Il patron Massimo Ferrarese ha confermato alla guida tecnica dell’Enel Basket (sponsor che dovrebbe avvalersi dell’opzione anche per il prossimo anno) coach Giovanni Perdichizzi. «Abbiamo un tecnico, bravo, capace, che ha conquistato due promozioni nell’arco di tre anni. Ma non è il suo unico pregio. Abbiamo conosciuto un uomo che ha saputo tradurre in realtà quello che era un mio progetto: ossia di costruire una squadra in grado di far divertire, di dare spettacolo. Lui ha realizzato questo mio desiderio, che era quello di tutto il gruppo dirigente, offrendo un play, Joe Crispin, che ha fatto mirabilie, un giocatore che, come piace a me, sapesse tirare, visto che prima non avevamo avuto play un po’ frenati nel tiro. Lui, il coach, ha fatto molto di più, perché ha costruito una squadra non di un tiratore ma di tanti eccellenti cecchini che hanno offerto lo spettacolo appassionando, esaltando, fatto felici tutti». Intanto, stasera si gioca. Michele Cardinali e soci devono assolvere l’impegno che li chiama a giocare sul campo della Bialetti Scafati di Phil Goss, la guardia statunitense capace di un tiro mortifero dall’arco. Non è solo Goss, in ogni caso, da rispettare, ma tutta una squadra che sta attraversando un buon momento, votata com’è alla conquista di un più che probabile nella griglia del playoff. 

Che Enel si vedrà stasera all’opera nel palaMangano? Di certo una squadra che, nonostante la promozione l’abbia già acquisita, proprio per onorare l’impegno e nel rispetto dovuto a tutti gli altri team, profonderanno quella voglia di vincere che l’ha sempre contraddistinta. Ad assistere alla gara contro la Bialetti ci saranno gli oltre mille di sostenitori che, nonostante la vittoria di Veroli, hanno voluto restare anche stasera accanto alla squadra del cuore.

ORE 19,55 - SCAFATI-BRINDISI 72-59
Nella terz'ultima giornata della Legadue di basket maschile, l'Enel Brindisi è uscita battuta dal parquet di Scafati 72-59. Sconfitta indolore perché i pugliesi hanno raggiunto la serie A1 in anticipo grazie la successo di Veroli su Sassari nell'anticipo di sabato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400