Cerca

Bari-Napoli da brividi per Salvatore Masiello

Darebbe qualsiasi cosa per giocare la sfida della serie A di calcio. Napoletano dalla cima dei capelli in giù, voglioso di sfidare la squadra della sua città e, perché no?, di consolidare il suo presente dopo due stagioni in cui ha mostrato di avere tutte le carte in regola per essere protagonista nel calcio che conta. La sua non è una presa di posizione e nemmeno un’uscita polemica. Solo, un sussulto di spontaneità
Bari-Napoli da brividi per Salvatore Masiello
di ANTONELLO RAIMONDO 

BARI  - Darebbe qualsiasi cosa per giocare, Salvatore Masiello. Napoletano dalla cima dei capelli in giù, voglioso di sfidare la squadra della sua città e, perché no?, di consolidare il suo presente qui a Bari dopo due stagioni in cui ha mostrato di avere tutte le carte in regola per essere protagonista nel calcio che conta. La sua non è una presa di posizione e nemmeno un’uscita polemica. Solo, un sussulto di spontaneità. Col sorriso sulle labbra. 

«Ci sono calciatori che, a fine campionato, staccano la spina e preferiscono starsene in disparte - dice l’esterno mancino che il Bari divide con l’Udinese - io, invece, no. Sarà perché l’anno scorso mi sono perso gli ultimi mesi ma ho una voglia matta di giocare. Anche tutte e cinque le ultime partite. Non sarebbe un problema. Stanco? Non scherziamo. Sto benissimo e, quel che più conta, motivatissimo». 

«Però mi rendo conto che Ventura potrebbe attuare un certo turnover - continua Salvatore Masiello, ormai sempre più a suo agio nel ruolo di esterno di difesa - oppure decidere di dare spazio a chi, finora, ha avuto poche possibilità per mettersi in mostra. Mi dispiacerebbe non giocare. E non solo perché arriva il Napoli. Spero solo che non sia una scelta tecnica. A Siena, nel secondo tempo, la squadra ha incontrato qualche difficoltà ma certo la questione non ha riguardato solo me. Insomma, rischierei di essere l’unico a star fuori rispetto a domenica scorsa... Nel dubbio ho detto ai miei parenti di non venire a Bari - confessa con candore Masiello - tanto, nella peggiore delle ipotesi, potranno guardarmi in tv». 

«Napoli è la mia città anche se non c’è mai stato feeling calcistico - spiega Salvatore, prima voluto a tutti i costi da Antonio Conte e poi finito ai margini proprio su scelta del tecnico salentino - visto che in tanti provini nessuno mi ha mai scelto. Strano, visto che fatta eccezione per pochi miei compagni di allora (i fratelli Stendardo, ndr), tutti gli altri si sono fermati alla serie D, o forse nemmeno quella. Ma non ho rancore nè tantomeno odio. Vado avanti per la mia strada, con la coscienza a posto. Certo, un giorno mi piacerebbe indossare la maglia del Napoli. Ma oggi sto benissimo qui a Bari. E sapete cosa vi dico? In questo momento direi no anche al Napoli. Certo, del mio futuro dovranno discutere Bari e Udinese. Io, per quel che mi riguarda, sarò chiarissimo: e dirò che vorrei restare in Puglia. Il contratto? Scadrà nel 2012, certo andrebbe allungato. Vedremo se c’è la volontà di farlo. Altrimenti più amici di prima...». 

«A proposito, io contro il Napoli non ho mai perso», sussurra Masiello quasi a stuzzicare la nota scaramanzia di Ventura. «Glielo dite voi o ci penso io», aggiunge prima di scoppiare in una fragorosa risata. 

NOTIZIARIO - Buone notizie per Ventura. Ieri pomeriggio sono tornati in gruppo sia Almiron che Donati. Non saranno disponibili per la sfida di domani pomeriggio contro il Napoli ma è già importante poter contare nuovamente su di loro per le ultime quattro sfide del campionato, a cominciare dalla suggestiva trasferta di Torino contro la Juventus. Meggiorini, come previsto, è tornato da Forlì dove sta cercando di curare un’aggressiva forma di pubalgia. L’attaccante, ben che vada, ripartirà dalla panchina. Sono, invece, fuori gioco sia Kamata che Rivas. Bonucci, infine, risponderà presente nonostante qualche problemino al ginocchio. Dovesse non farcela, Ventura giocherebbe la carta Stellini, uno di quelli che pur avendo giocato pochissimo si è sempre allenato con la massima intensità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400