Cerca

Foggia, una corsa a ostacoli ma non si può più sbagliare

I dauni non possono più permettersi altri passi falsi nella Prima Divisione di calcio, a partire dalla gara col Pescina. Alla fine mancano cinque partite e secondo il calcolo del tecnico Ugolotti i rossoneri per tirarsi fuori dai guai devono conquistare ancora dieci punti. Lo scontro diretto contro gli abruzzesi è dunque una ghiotta opportunità per mettere alle spalle il mezzo passo falso casalingo contro il Potenza
• Taranto, futuro in due partite
• Papagni lancia l’Andria
• Potenza non può sorridere
Foggia, una corsa a ostacoli ma non si può più sbagliare
FOGGIA - Avanti tutta contro il Pescina, ora il Foggia non può più permettersi altri passi falsi. Alla fine del campionato mancano cinque partite, secondo il calcolo di Ugolotti i rossoneri per tirarsi fuori dai guai devono conquistare ancora dieci punti. Lo scontro diretto contro gli abruzzesi è dunque una ghiotta opportunità per mettere alle spalle il mezzo passo falso casalingo contro il Potenza, anche se il rischio è che quella sfida velenosa lasci qualche scoria sul piano psicologico ed emotivo.

La data così ravvicinata dello scontro diretto contro il Pescina rappresenta da questo punto di vista un segnale di pericolo. Il Foggia apparso stanco e rinunciatario nel secondo tempo contro i lucani, deve far leva sull’orgoglio ferito per superare i marsicani in una sfida fondamentale per la salvezza. Una preoccupazione manifestata dal vicecapitano Carbone, nel dopopartita contro i potentini: «Nella ripresa abbiamo corso di meno, eravamo stanchi. Alla fine questa storia della penalizzazione del Potenza rischia di danneggiare soltanto noi che dobbiamo giocare le partite più delicate della stagione nell’arco di appena tre giorni l’una dall’altra».

In effetti la disamina di Carbone non fa una grinza dal momento che i rossoneri si sono ritrovati loro malgrado imbottigliati in un contenzioso che li ha visti solo in apparenza beneficiati dalla buona sorte. Ma i tre punti a tavolino che potevano costituire un importante rilancio di classifica, il Foggia alla fine è dovuto andarseli a prendere a Rimini per mantenere intatte le sue chances di salvezza.

Intanto ieri alla ripresa della preparazione Ugolotti ha verificato le condizioni di Micco e di Visone, entrambi in forse per il Pescina. In particolare il centrocampista ha continuato ad allenarsi in disparte per cui sembra a questo punto molto difficile che possa essere inserito tra i disponibili. Qualche speranza in più invece per Micco fermato martedì da una distorsione al ginocchio sinistro.

maxi multa La beffa con il Potenza si completa con una maxi multa di 5mila euro comminata all’Unione sportiva: un accendino per sigarette partito dalla curva dei tifosi rossoneri ha colpito alla testa il portiere del Potenza, obbligando il direttore di gara a sospendere il match per qualche minuto per consentire le cure del caso.

[m.lev.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400