Mercoledì 15 Agosto 2018 | 09:41

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Conferma: Pantani fu ucciso dalla cocaina

Relazione finale sulle cause deldi cocaina di altissima qualità. L'ex corridore aveva un midollo osseo normale. «Questo significa - ha detto il perito Fortuni - che non possiamo dire che abbia assunto quantità importanti per un tempo lungo»
BOLOGNA - Il perito del caso Pantani, il medico legale professor Giuseppe Fortuni consegnerà mercoledì prossimo al Pm Paolo Gengarelli della procura di Rimini la relazione finale sulle cause del decesso che confermano come la causa fu l'assunzione di una dose di cocaina di altissima qualità, ad oltre il 70%, non tagliata male.
Nella sua relazione (230 pagine, comprensive di allegati e tabelle) il professor Fortuni ha risposte ai quesiti avanzati dal Pm e nelle conclusioni si ribadisce anche che si è trattato di una disgrazia. Non ci fu in altri termini nessuna intenzione di uccidersi da parte del Pirata mentre nel midollo osseo di Pantani - ha spiegato ancora il medico legale - non ci sono segni significativi di sostanze dopanti assunte in precedenza.
Il perito nel suo lavoro, durato alcuni mesi, ha dunque escluso l'ipotesi del suicidio così come ha escluso che farmaci antidepressivi, che Pantani assumeva, possano aver contribuito al decesso. «Pantani era in preda ad un delirium da cocaina; aveva in pratica perso il contatto con la realtà», ha spiegato il Professor Fortuni sintetizzando così una parte della lunga perizia che verrà consegnata mercoledì a mezzogiorno al Magistrato.
Quanto all'assenza di segni significativi di sostanze dopanti come l'eritropoietina che Pantani può aver assunto nel corso della sua carriera sportiva, il professor Fortuni ha sostenuto, rispondendo così ad un altro dei quesiti posti dal magistrato, che Pantani aveva un midollo osseo normale. «Questo significa - ha detto ancora Fortuni - che non possiamo dire che abbia assunto quantità importanti per un tempo lungo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS