Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 22:13

La Coppa America è del Brasile di Adriano

L'edizione 2004 è dei verdeoro che superano l'Argentina ai rigori (6-4). I tempi regolamentari finiscono 2-2 (20' Kily Gonzalez r, 45' Luisao, 89' Delgado, 93' Adriano) grazie a una zampata nel recupero dell'interista. La Selecao succede alla Colombia, battuta dall'Uruguay nella finale per il 3° e 4° posto
AdrianoARGENTINA-BRASILE 4-6 Dcr (1-1; 2-2)

ARGENTINA: Abbondanzieri 6.5; Heinze 6.5, Ayala 6.5, Coloccini 6.5, Zanetti 7; Mascherno 6, Luis Gonzalez 6.5 (30'st D'Alessandro 6), Kily Gonzalez 7, Sorin 6; Tevez 6 (46'st Quiroga sv), Rosales 6 (19'st Delgado sv). In panchina: Cavallero, Quiroga, Placente, Saviola, Figueroa. Commissario tecnico: Bielsa.
BRASILE: Julio Cesar 6; Maikon 6, Luisao 5.5 (35'st Cris 5.5), Juan 6, Gustavo Nery 5.5; Renato, Kleberson (25'st Diego 5.5), Edu 6, Alex 6 (18'st Felipe 6); Adriano 6.5, Luis Fabiano 6. In panchina: Fabio, Mancini, Julio Baptista, Ricardo Olivera. Commissario tecnico: Parreira.
ARBITRO: Amarilla (Paraguay) 6.5.
RETI: 20' pt Kily Gonzalez (rigore), 45' pt Luisao, 44' st Delgado, 48' st Adriano.
NOTE: Spettatori: 45mila circa. Ammoniti: Edu, Sorin, Luisao. Angoli: 12-2. Recupero: 0'pt e 3'st.
Sequenza rigori: Argentina: D'Alessandro (parato), Heinze (fuori), Kily Gonzalez (gol), Sorin (gol). Brasile: Adriano (gol), Edu (gol), Diego (gol), Juan (gol).

LIMA - Stavolta il Brasile non ha fallito l'impresa. Sono servite otto finali, tutte perse al fotofinish, ai campioni del mondo verdeoro per strappare ai rivali argentini la Coppa America: l'edizione 2004, la nona sfida tra le due avversarie, è del Brasile di Parreira che, grazie ad un Adriano affamato di gol e desideroso di impressionare il ct per guadagnarsi il posto titolare nell'attacco della nazionale al fianco di Ronaldo, e soprattutto ai minuti di recupero, mette in bacheca la settima Coppa America.
Sono serviti i rigori per decretare il vincitore di una sfida che sembrava destinata a chiudersi come tutte le altre precedenti: con la vittoria della nazionale di Bielsa. Finisce 4-2 (2-2 dopo i 90 minuti di gioco). L'Argentina ha infatti dominato a lungo la partita, in vantaggio fino a tre minuti dal fischio finale, e sicura di portare a casa l'ennesima Coppa (14 quelle vinte dagli argentini). Ma proprio Adriano ha riaperto la gara nei minuti di recupero, con una rete che ha mandato ai rigori. E l'Argentina sotto choc per il gol del nerazzurro ha patito la maledizione dal dischetto: solo due i penalty andati a segno, contro i 4 dei brasiliani che festeggiano così il nuovo trofeo.
In avvio è subito Adriano a trascinare il Brasile in attacco: supera quattro avversari, ma in area è costretto a cedere davanti al compagno di squadra, in Italia, ma rivale di nazionale Javier Zanetti. L'Argentina non resta comunque a guardare e al 10' ci prova Sorin dalla bandierina a mettere paura ai brasiliani: ma J. Cesar respinge senza troppe difficoltà. La svolta della partita arriva al 19' quando un fallo di Luisao su Tevez in area fa decretare all'arbitro il calcio di rigore: Kily Gonzales dal dischetto non sbaglia e porta l'Argentina in vantaggio.
Forti dell'1-0, gli argentini prendono in mano le redini della partita e mettono in difficoltà il Brasile, che deve affidarsi sempre al solito Adriano. Allo scadere del primo tempo i campioni del mondo riescono a strappare il gol del pari: la rete nasce su una punizione di Alex al 45'. La palla finisce al centro dell'area e Luizao di testa mette in rete.
L'Argentina insiste e in avvio di ripresa sfiora il raddoppio con un palo di Tevez. Ma è Delgado, entrato per sostituire Rosales, ad andare a segno con un diagonale di destro che spiazza Julio Cesar. E' il 47' e l'Argentina pensa di aver chiuso la partita: ma Adriano, nel secondo dei tre minuti di recupero concessi dall'arbitro, con un sinistro riporta in parità la gara. Si va ai calci di rigore. Comincia l'Argentina, ma D'Alessandro si fa parare da Cesar. Non sbaglia Adriano e il Brasile è in vantaggio; Heinze tira alto. Kily Gonzales e Sorin non falliscono, ma i campioni del mondo sono impeccabili e con Edu, Diego e infine Sorin mettono le mani sulla Coppa America.

Questo l'Albo d'Oro della coppa America per nazioni

ANNO SEDE VINCITORE
1916 Argentina URUGUAY
1919 Brasile BRASILE
1920 Cile URUGUAY
1921 Argentina ARGENTINA
1922 Brasile BRASILE
1923 Uruguay URUGUAY
1924 Uruguay URUGUAY
1925 Argentina ARGENTINA
1926 Cile URUGUAY
1927 Perù ARGENTINA
1929 Argentina ARGENTINA
1935 Perù URUGUAY
1937 Argentina ARGENTINA
1939 Perù PERU'
1941 Cile ARGENTINA
1942 Uruguay URUGUAY
1945 Cile ARGENTINA
1946 Argentina ARGENTINA
1947 Ecuador ARGENTINA
1949 Brasile BRASILE
1953 Perù PARAGUAY
1955 Cile ARGENTINA
1956 Uruguay URUGUAY
1957 Perù ARGENTINA
1959 Argentina ARGENTINA
1959 Ecuador URUGUAY
1963 Bolivia BOLIVIA
1967 Uruguay URUGUAY
1975 --- PERU'
1979 --- PARAGUAY
1983 --- URUGUAY
1987 Argentina URUGUAY
1989 Brasile BRASILE
1991 Cile ARGENTINA
1993 Ecuador ARGENTINA
1995 Uruguay URUGUAY
1997 Bolivia BRASILE
1999 Paraguay BRASILE
2001 Colombia COLOMBIA
2004 Perù BRASILE

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione