Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 07:34

Nello sprint dell’Enel Brindisi c'è anche lo sloveno Zupan

È un acquisto già per la prossima stagione. Coach Perdichizzi: «Non appena sarà disponibile sarà un atleta che potrà darci un buon contributo perché ci restano da giocare ancora quattro gare che io considero molto importanti e difficili allo stesso tempo. Ciò che accadrà dopo è tutto da vedere». Potrebbe essere nel “dieci” che affronterà sabato sera la Carmatic Pistoia nella Legadue di basket maschile
Nello sprint dell’Enel Brindisi c'è anche lo sloveno Zupan
di Franco De Simone

Coach Giovanni Perdichizzi parla di Miha Zupan, l’ala forte slovena, ultimo, in ordine di tempo, acquisto del’Enel Basket.

«È un giocatore che seguivo da tempo. Non appena abbiamo saputo che avrebbe potuto rendersi libero non ci siamo fatti scappare l’occasione. Ne abbiamo subito parlato con il suo procuratore, poi con lui e posso dirvi che ci è parso molto disponibile ad accettare la nostra offerta».

Nella formazione ellenica del Trikala era molto considerato.

«Questioni economiche lo hanno indotto a lasciare quella che ormai è la sua ex squadra. In Grecia vige un regolamento secondo il quale se gli emolumenti non sono corrisposti nell’arco di 60 giorni il giocatore può, se vuole, rescindere il contratto. È quanto ha fatto Zupan».

Oggi dovrebbe arrivare a Brindisi. È così?

«Lo dicono le notizie di cui sono in possesso. Poichè lui ha già lasciato Trikala, dovrebbe raggiungerci dalla sua città natale: Kranj, in Slovenia».

Non teme che adesso Radulovic possa indispettirsi?

«Quando si parla di Radulovic occorre prestare la massima attenzione: è un uomo molto intelligente oltre ad essere un grande atleta. Negli ultimi tempi era lui a chiedermi in continuazione quando sarebbe arrivato uno che avrebbe potuto giocare al suo posto. Lui sa bene quali sono i nostri obiettivi e sa che a noi un altro giocatore serviva, soprattutto per le rotazioni».

Non si offre un biennale solo perché oggi è necessario un elemento per le rotazioni. Vero?

«Miha Zupan, in LegaDue, è un lusso. Può giocare da ala forte e da centro e in entrambi i ruoli può risultare decisivo. In A è un ottimo atleta, in grado di poter fronteggiare l’avversario con ottima tecnica e forza».

Dunque, un acquisto già proiettato alla prossima stagione agonistica nella serie superiore?

«Non appena sarà disponibile sarà un atleta che potrà darci un buon contributo perché ci restano da giocare ancora quattro gare che io considero molto importanti e difficili allo stess tempo. Ciò che accadrà dopo è tutto da vedere».

Potrebbe essere nel “dieci” che affronterà sabato sera la Carmatic Pistoia?

«Le pastoie burocratiche a volte sono davvero indecifrabili. Quando poi sono internazionali diventano più difficili. Basti pensare al tempo che è servito a Silvere Bryan perché reglarizzasse il suo nuovo status per avere un’idea di come vanno queste cose».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione