Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 14:06

Enel Brindisi, a Jesi vittoria per la fuga

C’è una sola squadra al comando della Legadue di basket maschile. Nel turno pre-pasquale i ragazzi di coach Perdichizzi hanno «asfaltato» a domicilio la Fileni (72-101) in una gara a senso unico. Ma la notizia della serata è il «pesce d’aprile» del fanalino di coda Latina all’ex capolista Sassari, sconfitta in casa 80-93. Un risultato che dà ai pugliesi il primato solitario a quattro gare dalla fine della stagione regolare
Enel Brindisi, a Jesi vittoria per la fuga
FILENI JESI-ENEL BRINDISI 72-101

JESI:Strickland 5 (0/1; 1/2), Santiangeli 3 (0/2; 1/3), Giuri 10 (2/5; 1/6), Rossini 2 (0/2; 0/2), Adams 2 (1/3; 0/4), Ndoja 7 (2/8; 1/2), Raminelli 5 (2/7; 0/1), Basei 10 (4/7), Gabini 23 (2/6; 4/7), Johnson 5 (2/6). All. Bartocci.
BRINDISI: Radulovic 14 (1/2; 2/3), Crispin 19 (2/4; 5/8), Pinton, Maresca 21 (5/6; 3/7), Infante 6 (3/5; 0/1), Cardinali 8 (1/1; 0/1), Malagoli 6 (0/1; 0/1), Bryan 8 (1/3), Coviello, Thomas 19 (6/7; 1/2). All. Perdichizzi.
ARBITRI: Terreni, Vicino e Bartoli.
Parziali:11-34; 31-57; 55-82
NOTE: tiri liberi: Jesi 18/24; Brindisi 2//33. Tiri da 2: Jesi 15/47; Brindisi 19/31. Tiri da 3: Jesi 8/27; Brindisi 12/24. Uscito per raggiunto limite di falli Basei. Rimbalzi totali: Jesi 33 (dif. 17; off. 16); Brindisi 35 (dif. 29; off. 6).

JESI - C’è una sola squadra al comando della Legadue ed è l’Enel Brindisi. Nel turno pre-pasquale i ragazzi di coach Perdichizzi hanno «asfaltato» a domicilio la Fileni Jesi, battuta 101 a 72 om una gara a senso unico. Ma la notizia della serata è il «pesce d’aprile» del fanalino di coda Latina all’ex capolista Sassari, sconfitta in casa per 93 a 80. Un risultato che dà all’Enel il primato solitario a 4 gare dalla fine della stagione regolare.

Perdichizzi si presentava al PalaTriccoli con il quintetto migliore: Crispin play, Maresca guardia, Radulovic e Thomas ali, Infante centro. Il suo collega jesino Bartocci invece, doveva rinunciare al pivot titolare Wakeskowski, ancora convalescente all’infortunio alla mano destra. All’Enel bastavano 10 minuti per mandare ko i padroni di casa. Dopo l’iniziale 2-8 (al 3’), Brindisi piazzava un break tremendo e volava fino al 6-30 griffato da Maresca con un tiro da 3 al 9’. Infante, Thomas e Radulovic dominavano sotto le plance, facendo valere il loro fisico. Recuperata palla, al resto pensava l’estro di un ispiratissimo Crispin, che sfornava assist per i suoi compagni.

Dopo una prima frazione giocata a tutto gas, l’Enel allentava la presa. Perdichizzi dava spazio alle seconde linee. Nonostante la girandola di cambi, le percentuali dell’Enel restavano comunque ottime: 11/16 da due, 8/12 da tre e soprattutto venti rimbalzi (contro i 12 locali), che facevano ancora una volta la differenza. L’Aurora riusciva a risalire fino al 24-43.

Quando Perdichizzi ributtava dentro i titolari, Jesi sprofondava di nuovo sul 31-57 dell’intervallo lungo. A scaldare i quasi mille tifosi bianco-blu ci pensava lo speaker del PalaTriccoli, che annunciava il vantaggio di Latina a Sassari.

Jesi tornava in campo più determinata e con Gabini cercava di rendere meno disonorevole la sconfitta (al 25’ 46-66). L’Enel con i 6 punti di Radulovic, una penetrazione di Crispin e uno «schiaccione» di potenza di Brian, ristabiliva le distanze: 50-80 al 28’. Il quarto periodo era un allenamento per l’Enel. Perdichizzi concedeva la passerella, meritatissima, a Joe Crispin e schierava le seconde linee, mentre i fans brindisini cantavano a squarciagola.

Giuseppe Papadia

LA CLASSIFICA - Brindisi 38; Sassari 36; Reggio Emilia, Veroli, Monferrato 32; Snaidero 30; Vigevano, Pistoia 28; Imola, Rimini 24; Casalpusterlengo, Scafati 22; Jesi 20; Venezia 18; Pavia 16; Latina 14.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione