Cerca

Calcio - Respinto il ricorso del Napoli. Bari in B

Il Collegio Arbitrale del Coni ha rigettato la richiesta presentata dal Napoli contro il provvedimento del presidente della Federcalcio con cui si negava l'iscrizione al campionato di serie B. L'ufficialità del ripescaggio dei biancorossi arriverà in settimana. Ceduto Cordova al Livorno
ROMA - Il Collegio Arbitrale del Coni ha respinto il ricorso presentato dal Napoli contro il provvedimento del presidente della Federcalcio con cui si negava l'iscrizione al campionato di serie B. «In particolare - è scritto in una nota - il Collegio Arbitrale ha ritenuto che il ricorso non sia ammissibile in quanto fondato su una clausola compromissoria e su regole procedurali non applicabili alla specifica controversia».
Il Collegio Arbitrale del Coni era composto dai professori Fumagalli, Coccia e Napolitano. La loro decisione è stata resa «senza passare all'esame del merito della controversia, ossia - è spiegato nel comunicato del Coni - senza prendere posizione circa la possibilità che la Napoli Sportiva SpA possa ottenere l'iscrizione al campionato di serie B sulla base del noto contratto di affitto di azienda. Il merito della controversia, essendo impregiudicato, potrà essere oggetto di valutazione nell'ambito di altri procedimenti arbitrali, già avviati o da avviare, presso la Camera di conciliazione e arbitrato del Coni».
Giornata no,dunque, per Luciano Gaucci che, dopo aver appreso della decisione avversa al Napoli del collegio arbitrale del Coni, si è visto cadere addosso un'altra tegola: i procuratori dei giocatori azzurri, con i quali oggi era fissato un incontro per porre fine alla vicenda delle spettanze arretrate, non si sono presentati all'appuntamento.
Secondo Gaucci la sua proposta per venire incontro alle richieste dei calciatori si aggirava intorno ad una percentuale di pagamento vicina al 70%, mentre per i procuratori la percentuale non superava la soglia del 50%. «Il vero problema - ha spiegato il nuovo affittuario del club azzurro - non è quello del collegio arbitrale del Coni ma il fatto che i giocatori non abbiano firmato le liberatorie. Noi continuiamo, non ci arrendiamo. Abbiamo fatto contratti a direttori sportivi, Guido Angelozzi, allenatori, Angelo Gregucci e giocatori, il portiere Kalac, e prenotato il ritiro. Noi stiamo facendo tutto per mantenere la serie B, altri lo stanno facendo per andare in serie C».
Intanto, è stato depositato al Tar del Lazio, per conto della Napoli Sportiva, la richiesta di sospensiva del mancato riconoscimento all'iscrizione al campionato di serie B. Anche il commercialista e socio di minoranza, Francesco Serao, ha fatto ricorso al Tar ritenendosi danneggiato per la mancata iscrizione della società locataria del ramo sportivo.
Con questo quadro, il Bari è praticamente certo del ripescaggio, indipendentemente da quello che potrebbe accadere con una sentenza del giudice ordinario. Al massimo, potrebbe riproporsi la situazione dello scorso anno, con un campionato cadetto a più delle 20 squadre previste. Il club di Matarrese ha peraltro definito la cessione di Nicolas Cordova, che giocherà l' anno prossimo in serie A nel Livorno dopo una laboriosa trattativa che andava avanti dagli inizi di luglio con la società toscana. Ceduto il fantasista sudamericano con la formula della comproprietà a riscatto libero. Il cileno l'anno scorso è stato insieme a Spinesi il capocannoniere del Bari con 12 reti, disputando una stagione con un rendimento fortemente altalenante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400