Cerca

Calcio - Coppa America, finale Brasile-Argentina

La Selecao ha sudato sangue e lacrime in semifinale per avere la meglio sull'Uruguay, domato solo ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sull'1-1 (Sosa U, Adriano B). L'ultimo atto in programma domenica alle 22 ore italiane (diretta su Sport Italia)
Brasile-UruguayLIMA - Brasile e Argentina, i due colossi del calcio americano, si giocheranno domenica pomeriggio la finale della Coppa America 2004 che sta finendo di svolgersi in Peru. Il Brasile, a differenza dell'Argentina che in semifinale ha stravinto 3-0 con la Colombia, ha sudato sangue e lacrime per avere la meglio sull'Uruguay, domato solo ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sull'1-1. Dagli undici metri per il Brasile, che alla fine si è imposto 5-3, non hanno fallito Luisao, Luis Fabiano, Adriano, Renato e Alex, mentre per l'Uruguay il penalty decisivo se lo è fatto parare Vicente Sanchez.
Gli uruguaiani hanno iniziato la gara abbattendosi come un ciclone su questo Brasile «B» privo di molte grandi stelle. E dopo varie occasioni sciupate da Dario Silva, è arrivato il gol del vantaggio ad opera di Marcelo Sosa con uno stupendo colpo di testa che ha così premiato il miglior dell'Uruguay. Lo stadio «Nacional» di Lima dove si trovavano molti tifosi della Selecao, è così piombato nel «Maracanazo», termino sempre vivo nella memoria dei brasiliani per la memorabile sconfitta patita al «Maracanà» di Rio de Janeiro nella finale dei Mondiali del 1950 proprio ad opera degli uruguaiani. Nel primo minuto della ripresa, però, ci ha pensato il solito Adriano a segnare per il Brasile e a riequilibrare le sorti della gara sfruttando un assist di Luis Fabiano.
Per tutto il secondo tempo Adriano e compagni hanno tenuto in mano le redini del gioco ma non è stata certo la stessa dimostrazione di forza data dall'Argentina contro la Colombia. Tornando ad Adriano, Roberto Mancini può essere davvero contento per la prestazione dell'attaccante interista in questa Coppa America, dove si è praticamente laureato capocannoniere del torneo con i sei gol realizzati fino a questo momento. «Sono molto emozionato per questa finale - ha commentato Adriano - è un risultato che mi dà grane felicità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400