Cerca

Cin cin della Florens ai playoff il Novara

Si chiude con una bella vittoria la sorprendente stagione regolare del Castellana Grotte in A1 femminile di pallavolo. Le biancorosse ripetono l’exploit dell’andata contro la vera sorpresa del campionato visto che Urbino, accreditata alla vigilia come contendente alla salvezza, ha chiuso la stagione regolare in quinta posizione. Negli ottavi di playoff scudetto (al via domenica 11 aprile) ecco le blasonate piemontesi
Cin cin della Florens ai playoff il Novara
FLORENS CASTELLANA-URBINO 3-2 

CASTELLANA: Dalia 3; Nagy 20; Labate 10, Ritschelova 11; Soninha 19, Lipicer 20; Sansonna (L), Cardani. N. e.: Caracuta, Jontes, Agostinetto. All. Radogna
URBINO: Bechis; Havlickova 27; Fernandez 12, Nucu 9; Petrauskaite 27, Masoni 10; Leonardi (L), Butnaru, Galeotti, Rastelli. N.e.: Di Iulio. All. Salvagni.
ARBITRI: Gini di Cagliari, Gentile di Formia (Lt)
NOTEProgressione set: 25-23 (25’), 25-15 (24’), 25-27 (30’), 24-26 (25’), 16-14 (17’) per un totale di 2h01’. B.v.: Castellana 4, Urbino 3. B.s.: Castellana 6, Urbino 11. Muri: Castellana: 9, Urbino 17.

CASTELLANA GROTTE - Si chiude con una bella vittoria la sorprendente stagione regolare della Cgf Recycle Florens Castellana Grotte in A1 femminile di pallavolo.

Le biancorosse allenate da Donato Radogna festeggiano con un successo, il nono stagionale, la 200ma gara di serie A e soprattutto ripetono l’exploit dell’andata contro la vera sorpresa del campionato visto che Urbino, accreditata alla vigilia come contendente alla salvezza, ha chiuso la stagione regolare in quinta posizione. Due punti che consentono alla Florens, dopo la matematica salvezza colta con largo anticipo, di scalare anche un’altra posizione di classifica sorpassando in volata la Riso Scotti Piacenza. Negli ottavi di playoff scudetto (al via domenica 11 aprile nel palasport cittadino) capitan Dalia e compagne affronteranno le blasonate già campioni d’Europa dell’Asystel Novara, battute al tiebreak da Bergamo, a cui poi dovranno rendere visita anche in caso di eventuale «bella».

La gara

Partita sostanzialmente a due volti: cinica e determinata, la Florens trascinata dalla brasiliana Soninha conquista con autorevolezza primo e secondo set. Sempre in vantaggio nel parziale di apertura (4-1, 6-3, 11-7), subisce il recupero marchigiano (11-11) e poi riprende le redini del set (13-11, 16-13, 19-15) salvo poi subire ancora il ritorno di Petrauskaite (una quasi ex dopo le vicende estive) e compagne (23-23), prima dei colpi determinanti di Nagy e Lipicer 25-23. Ben più agevole il cammino del secondo set chiuso con l’eloquente 25-15. La reazione del sei più uno di Salvagni si materializza nel terzo e nel quarto set con andamento sostanzialmente analogo ed epilogo ai vantaggi a favore delle ospiti (25-27, 24-26). Equilibrio che si prolunga anche nel set decisivo che, sia pur con tentativi di allungo castellanesi (6-4, 8-5, 10-8, 13-9, 14-12) vede arrivare la conclusione ancora ai vantaggi: Petrauskaite e Havlickova annullano due palle match (14-14), Lipicer e l'errore di Havlickova mettono fine a oltre due ore di maratona sportiva: 16-14.

Emanuele Caputo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400