Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 19:09

«Il Potenza calcio perde a tavolino 3-0 col Foggia»

Il giudice sportivo, Pasquale Marino, ha deliberato il 3-0 a tavolino in favore del Foggia per la gara con il Potenza non disputata domenica scorsa. La partita non si è giocata per l’esclusione del Potenza dal campionato di competenza, disposta dalla Corte di Giustizia Federale. Quattro giorni fa, infatti, la Corte di giustizia della Figc ha escluso il Potenza dalla Prima divisione per un presunto illecito sportivo verificatosi in una partita con la Salernitana nella stagione 2007-2008. La Corte federale ha anche squalificato per cinque anni il presidente dei lucani all’epoca dei fatti, Giuseppe Postiglione
«Il Potenza calcio perde a tavolino 3-0 col Foggia»
FIRENZE – E' arrivato l’atto formale del giudice sportivo in relazione al "caso Potenza". Pasquale Marino ha infatti deliberato il 3-0 a tavolino in favore del Foggia per la gara con il Potenza non disputata domenica scorsa. La partita non si è giocata per l’esclusione del Potenza dal campionato di competenza, disposta dalla Corte di Giustizia Federale. 

IERI LA SQUADRA HA DECISO DI PRESENTARE RICORSO
Il Potenza calcio ha chiesto un pronunciamento del Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport (Tnas) nei confronti della Federcalcio dopo la sentenza della Corte di giustizia federale che ha escluso il club lucano dal campionato di Lega Pro Prima divisione. L'istanza è stata presentata – si legge in un comunicato - “per l’accertamento e la declaratoria dell’illegittimità e dell’infondatezza della decisione della Corte di Giustizia Federale della Figc con cui è stata comminata alla società ricorrente, a titolo di responsabilità diretta in ordine alle presunte violazioni ascritte al suo presidente, la sanzione dell’esclusione dal campionato di competenza (Lega Pro, Prima Divisione – Girone B) con assegnazione, ad opera del Consiglio federale, ad uno dei campionati di categoria inferiore”. 

Quattro giorni fa la Corte di giustizia della Figc ha inflitto sei punti di penalizzazione alla Salernitana in serie B ed escluso il Potenza dalla Prima divisione. Si trattava del processo-bis per il caso di presunto illecito sportivo verificatosi in una partita fra le due squadre della stagione 2007-2008. La Corte federale ha anche squalificato per cinque anni il presidente dei lucani all’epoca dei fatti, Giuseppe Postiglione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione