Cerca

Prisma non esaltante in questa A1 ma meglio delle stagioni precedenti

Quantomeno, quella che il presidente Bongiovanni ha definito «una stagione vergognosa», si conclude con un bilancio di punti che migliora quello delle ultime due annate nel massimo campionato di pallavolo maschile. La vittoria di mercoledì sera contro Perugia fa salire Taranto a quota 30 in classifica; l'anno scorso i punti conquistati furono 28, mentre due anni fa, nella stagione giocata a Martina, furono 25
Prisma non esaltante in questa A1 ma meglio delle stagioni precedenti
TARANTO - Quantomeno, quella che il presidente Bongiovanni ha definito «una stagione vergognosa», si conclude con un bilancio di punti che migliora quello delle ultime due annate. La vittoria di mercoledì sera contro Perugia fa salire la Prisma a quota 30 in classifica; l'anno scorso i punti conquistati furono 28, mentre due anni fa, nella stagione giocata a Martina, furono 25. Va detto però che quest'anno ogni squadra ha giocato due gare in più, essendo il campionato a 15 formazioni e non più a 14.

Ad ogni modo il bilancio potrebbe essere ulteriormente incrementato domenica a Cuneo, visto che i padroni di casa secondi in classifica non possono né raggiungere la capolista Trento (sono a -7) né possono essere raggiunti da Treviso (+6). Scorrendo i numeri della stagione, la Prisma si avvia a chiudere 12ma nella graduatoria degli ace (1.1 a set), sesta per ricezione (38.3%), undicesima in attacco (49.4%) e tredicesima nei muri (1.95 muri punto a set). Nelle classifiche individuali, la decima vittoria stagionale ha lanciato lo schiacciatore Cleber come miglior realizzatore della Prisma: è undicesimo tra i migliori bomber dell'A1 con 14.96 punti di media a partita. Alle sue spalle Rivaldo (13mo con 14.92), Cozzi (51mo, 7.4), Bartman (70mo, 9.6), Abbadi (75mo, 10), Suxho (98mo, 3.2) e Elia (100mo, 3.4). Tra gli aceman il migliore è Cleber, 12mo della speciale classifica con 36 ace totali.

Sempre Cleber il miglior rossoblù nella particolare classifica della media ponderata tra le ricezioni: è 23mo dell'A1, mentre Ricciardello è 35mo. Nella classifica dei muri vincenti per set il migliore della Prisma è il centrale Paolo Cozzi, 37mo della classifica totale. Insomma, numeri non esaltanti che dimostrano come la stagione di questo Taranto non sia effettivamente di quelle da ricordare.

[a.lor.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400