Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 15:39

Via del Mare aperto per Gallipoli-Brescia

Il presidente D'Odorico ed il direttore amministrativo Iodice hanno incontrato Rossano Marchello, titolare della Sport Security, ed il suo legale. È stato raggiunto un accordo che soddisfa tutte le parti. Alla società che gestisce il servizio steward all'interno dello stadio è stato anticipato il pagamento per le prossime due gare interne. Sottoscritto anche un contratto che prevede il pagamento anticipato delle gare successive
Via del Mare aperto per Gallipoli-Brescia
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Tutto rientrato. Gallipoli-Brescia si giocherà a porte aperte, grazie ad un miracolo amministrativo e diplomatico. Michele Scaringella e Ferdinando Ruffini restano al loro posto, dopo l'ipotesi di esonero ventilata mercoledì sera. Tutte le frizioni sviluppatesi in settimana si risolvono, fortunatamente, in una bolla di sapone. E viene da chiedersi a chi giova questo gioco al massacro, questo ambiente che si sfalda e si ricompatta a stretto giro, questo tenere in piedi delle pendenze economiche fino all'ultimo secondo. Fatto sta che alla vigilia della gara contro il Brescia, tappa fondamentale per rilanciarsi dal punto di vista tecnico, le componenti hanno trovato un loro equilibrio e le cose sembrano tornare al loro posto.

PORTE APERTE - Ieri mattina è successo qualcosa di inimmaginabile fino a 24 ore prima. Il presidente Daniele D'Odorico ed il direttore amministrativo Giuseppe Iodice hanno incontrato Rossano Marchello, titolare della Sport Security, ed il suo legale. È stato raggiunto un accordo che soddisfa tutte le parti. Alla società che gestisce il servizio steward all'interno del Via del Mare (sia Lecce sia Gallipoli) è stato anticipato il pagamento per le prossime due gare interne (16mila euro a copertura delle partite contro Brescia e Triestina). Inoltre è stato sottoscritto dalle parti anche un contratto che prevede il pagamento anticipato delle gare successive, partita dopo partita, e la dilazione del debito arretrato (58mila euro) da saldare in tre tranche: metà aprile, fine aprile, metà maggio. Marchello ha ottenuto direttamente da Udine le adeguate garanzie richieste anche a inizio settimana e che allora sembravano talmente difficili da raggiungere al punto che il banco era quasi saltato. La riunione di questa mattina del Gruppo operativo di sicurezza (Gos) della Questura prenderà atto della nuova situazione e ratificherà lo svolgimento della gara a porte aperte. Un'operazione, quella orchestrata ieri da Iodice, davvero miracolosa pensando al garbuglio che si era creato. 

TUTTO COME PRIMA - Ruffini e Scaringella non si muovono dal loro posto. Dopo il chiarimento, anche con toni forti, avuto ieri mattina con dirigenza e proprietà, i due hanno ricevuto il rinnovo della fiducia. Mentre Ruffini continuerà a svolgere le mansioni fin qui avute (dirigente accompagnatore al seguito della squadra), Scaringella avrà un ruolo di coordinamento meno invasivo nell'area tecnica della prima squadra. Apparentemente nulla sembra cambiato, in realtà quella degli ultimi giorni è stata la seconda crisi dirigenziale, dopo il divorzio da Vittorio Fioretti avvenuto a fine novembre (ed i contemporanei ingressi di Giuseppe Iodice e promozione al ruolo di responsabilità tecnica di Scaringella). L'importante è aver trovato un nuovo equilibrio, per quanto sottile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione