Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 11:23

Scaglia sprona il Gallipoli «Occasione da sfruttare»

Il Padova, dopo un avvio scoppiettante, si ritrova in fondo alla classifica della serie B di calcio, con 5 punti in meno dei giallorossi, i quali hanno sabato la possibilità di spingere i veneti verso la Lega Pro e di portarsi con certezza a più otto da due dirette concorrenti (oltre al Padova, la Salernitana che attualmente ha 11 punti di ritardo). «Abbiamo l’opportunità di dar loro un colpo non indifferente»
• Gallipoli-Padova a Velotto di Grosseto
Scaglia sprona il Gallipoli «Occasione da sfruttare»
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Dopo 2. 400 minuti trascorsi a «scavare» le fasce degli stadi di serie B, si ferma Massimiliano Scaglia. Il giocatore torinese aveva fin qui saltato solo l’esordio in campionato contro l’Ascoli, ad agosto. Poi non è più mancato, risultando, tra ottobre e dicembre uno dei migliori esterni del campionato. È più che fisiologico il calo registrato nelle ultime gare, che tra l’altro va di pari passo con quello collettivo. Ora ha la possibilità di ricaricare le batterie approfittando della squalifica che il Giudice Sportivo gli ha comminato in settimana.

Il guaio è che oltre a lui mancheranno pure altri 3 giocatori: Daino e Lazzari, che avrebbero giocato la partita, e Tagliani, che probabilmente si sarebbe accomodato in panchina visto il rientro di Grandoni dopo le tre giornate di squalifica. «Se avessi potuto scegliere - ha detto Scaglia, che nelle ultime gare ha indossato la fascia di capitano - una partita da saltare, non avrei sicuramente scelto questa. Quattro ammonizioni però non si possono programmare, né si poteva pensare che questa partita assumesse la rilevanza che ha attualmente. L’unico lato positivo che riesco a trovare è che finalmente posso riposarmi un po’. Purtroppo questa opportunità coincide con le altre squalifiche: abbiamo comunque una rosa che può sopperire a squalifiche ed infortuni. Io sono più che fiducioso».

Il Padova, dopo un avvio scoppiettante, si ritrova in fondo alla classifica, con 5 punti in meno del Gallipoli. I giallorossi hanno sabato la possibilità di spingere il Padova verso la Lega Pro e di portarsi con certezza a più otto da due dirette concorrenti (oltre al Padova, la Salernitana che attualmente ha 11 punti di ritardo rispetto ai salentini). «Sulla carta - dice Scaglia - il Padova è un’ottima squadra, che ad inizio campionato è partita bene e che aveva buone credenziali per fare un grande campionato. Anche a me è capitato di ritrovarmi in fondo alla classifica pur giocando in squadre partite con altri obiettivi: conosco la situazione. Abbiamo l’opportunità di dar loro un colpo non indifferente, dobbiamo sfruttarla. Il Padova ha ottime individualità, ma versa in gravi difficoltà».

I patavini hanno conquistato appena 3 punti nelle ultime 8 partite (nello stesso periodo il Gallipoli ha ottenuto invece 11 punti). Domani la squadra ha una opportunità imperdibile per superare questo momento. È sicuramente la partita più importante del campionato: «Dobbiamo giocarcela come se fosse una partita decisiva. Dobbiamo essere consapevole che non sarà la partita di sabato a determinare le sorti del campionato di Gallipoli e Padova, ma vincere sarebbe un passo importante per avvicinarci all’obiettivo. È la prima partita che ha un valore più forte rispetto a tante altre che abbiamo giocato finora».

C’è da superare un trend non proprio positivo: il Gallipoli ha finora fatto molto bene contro squadre di alta classifica (ha vinto contro Sassuolo, Brescia, Ancona e Frosinone, pareggiato con Grosseto ed Empoli) e male, anche molto male, contro le squadre sulla carta più alla portata: «Se avessimo conquistato gli stessi risultati ottenuti contro le squadre blasonate anche contro quelle che orbitano intorno alla nostra posizione in classifica, avremmo avuto più punti e maggiore distacco dalla zona playout. Sabato abbiamo la possibilità di rifarci degli ultimi risultati e di questa tendenza negativa contro le dirette concorrenti».

Giannini, durante l’allenamento a porte chiuse di ieri, ha avuto a disposizione tutti i calciatori, anche Artistico, che sembrava in dubbio. Il giocatore romano appare in vantaggio su Di Carmine per il ruolo di spalla di Volpato. Oggi pomeriggio il tecnico scioglierà gli ultimi dubbi. Intanto sembra in via di definizione, malgrado la sussistenza di una importante esposizione debitoria, l’annosa questione tra il Gallipoli e Sport Security, la società che gestisce la sicurezza nello stadio attraverso il servizio steward (che vanta crediti per oltre 50mila euro). Attesa anche la soluzione dei problemi con il Lecce (che vanta crediti per circa 40mila euro).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione