Cerca

Enel Brindisi, c'è il dubbio Infante per la gara di Legadue col Vigevano

L’ala-pivot ha subito in allenamento un infortunio, del tutto fortuito, all’occhio. Le cure prestate presso l’Ospedale «Perrino» hanno vietato al giocatore di partecipare agli allenamenti settimanali. Pertanto, solo oggi potrà essere sciolta la prognosi e sapere se potrà essere della gara di basket che si annuncia difficoltosa. Perdichizzi: «Se grattacapi avremo arriveranno da tutta la squadra, non dal singolo»
Enel Brindisi, c'è il dubbio Infante per la gara di Legadue col Vigevano
di Franco De Simone

BRINDISI - Coach, domani arriva il Vigevano. Stando alle ultime prestazione della squadra lombarda, sarà un’altra gara difficile. Vero?

Domanda-assist. Giovanni Perdichizzi prende la palla al balzo e ammette: «Anche all’andata, sebbene abbiamo disputato una buona partita, Vigevano mi ha fatto una buona impressione. Nel corso della stagione è maturata molto. Il pacchetto degli italiani, alcuni provenienti dalla B1, sono cresciuti tantissimo».

Nel Vigevano, da qualche giorno, coach Gigi Garelli, ha inserito Joel Salvi, in estate oggetto del desiderio di Brindisi.

«Salvi, nonostante le nostre offerte fossero allettanti, non accettò di giocare in LegaDue. Volle andare a Ferrara. Gli estensi lo hanno liberato. A voi le conclusioni».

Ad ogni modo un buon giocatore che inserito in una squadra in crescita, può creare qualche grattacapo.

«Il presidente Riccardo Capelli già a gennaio aveva voluto inserire nella sua squadra Alex Bougaieff, un buon pivot. Ora con Salvi ha aumentato il tasso di qualità. Dicevo dei giocatori italiani, fra i quali Carmine Cavvallaro e Gabriele Ganeto. Se grattacapi avremo arriveranno da tutta la squadra, non dal singolo».

In definitiva, che tipo di gioco pratica Vigevano?

«È una squadra che non molla mai, difende, corre in contropiede, e gioca, senza mai rallentare, fino alla fine».

È la classica squadra neopromossa che “ringhia” alle spale dell’avversario?

«Proprio così. È per questo motivo che ho raccomandato ai miei giocatori di prestare la massima attenzione. Abbiamo un progetto da realizzare e non possiamo certamente commettere distrazioni di sorta».

Il presidente Garelli ha avuto, in settimana, uno scontro con Jermaine Boyette, accusato di scarso rendimento.

«A volte certe situazioni lievitano a dismisura. Personalmente sono impegnato a guardare a ciò che accade in casa mia. Ma, a lume di naso, posso credere che se accuse sono state mosse avevano tutte l’obiettivo di stimolare il giocatore a dare di più».

Come vanno le cose in casa Enel Basket?

«Abbiamo avuto il problema dell’infortunio subito da Luca Infante: durante l’allenamento ha subito il graffio di un’unghia di un dito nell’occhio. Ora attendiamo di avere notizie dal medico oculista che lo ha visitato e vedere qual è stata la reazione che ha avuto alla terapia praticata».

All’inizio della settimana anche Joe Crispin e Omar Thomas hanno saltato la prima seduta di allenamento.

«Normali acciacchi vari post gara. Poi, da mercoledì, si sono riaggregati alla squadra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400