Cerca

Taranto, conta anche il cinismo Giorgino: «Il bel gioco è un di più»

«In queste ultime dieci partite, a cominciare dal match esterno di Giulianova di domenica prossima, voglio vedere un Taranto cinico e determinato». Questa la strada indicata da Giorgino, uno dei giocatori dal rendimento più che sufficiente, per giungere alla meta dei playoff di Prima Divisione di calcio. «A questo punto del campionato, il bel gioco serve a poco se non viene confortato dalle vittorie»
Taranto, conta anche il cinismo Giorgino: «Il bel gioco è un di più»
di Giuseppe Dimito

TARANTO - «In queste ultime dieci partite, a cominciare dal match esterno di Giulianova di domenica prossima, voglio vedere un Taranto cinico e determinato». Questa la strada indicata da Davide Giorgino, uno dei giocatori dal rendimento più che sufficiente, per giungere alla meta dei playoff. Ed ha anche aggiunto: «A questo punto del campionato, il bel gioco serve a poco se non viene confortato dalle vittorie. Sì, d’accordo servono anche i pareggi; ma solo i successi fanno guadagnare i tre punti che ti portano in alto». In casa tarantina, dunque, si ragiona in maniera pragmatica e concreta. Del resto, a dieci gare dalla conclusione, le idee devono essere molto chiare. Bisogna guadagnare, nel più breve tempo possibile i playoff e cercare di non lasciarli più. E per raggiungere questo obiettivo bisogna inanellare ancora molti punti. Forse addirittura 22 dei 30 rimasti a disposizione.

Dopo essere stati brillanti per le prime tre gare della gestione Dellisanti, è giunto il riposo che ha interrotto i ritmi di gioco. Infatti domenica scorsa, contro il Pescina, almeno per i primi 10’ di gioco, Migliaccio e soci non si sono ritrovati. Successivamente le cose sono cambiate profondamente ed è giunta l’attesa quanto meritata vittoria. Racconta il centrocampista rossoblù: «I carichi di lavori effettuati nei due giorni iniziali della settimana, si sono fatti sentire. Ma erano necessari per poter effettuare il necessario sprint finale». Che Taranto vedranno i tifosi jonici in Abruzzo? Giorgino ribatte prontamente: «Una squadra che scenderà in campo per tentare di agguantare i tre punti e, magari, sperare in un passo falso di qualcuna delle formazioni che stanno davanti a noi. Il secondo posto si trova a tre punti. Sarebbe bello riuscire a conquistarlo a breve. Ma attenzione. Vincere non è facile per nessuno. Gli esempi vengono proprio osservando i risultati di domenica scorsa. Quello che più balza in evidenza è il pari interno della capolista Verona contro il Potenza. I lucani sono stati ad un passo dal clamoroso successo esterno».

Ieri doppia seduta. Mister Dellisanti ha superato i problemi fisici (gastroenterite). Mancava il solo Triarico che si riaggregherà al gruppo nel pomeriggio. L’amichevole con il Maruggio del bravo Alfredo Cimino, seconda forza del campionato di Promozione unitamente al Real Squinzano, a sette punti dalla capolista Racale, è confermata. Ma non si giocherà allo Iacovone, ma sul sintetico di Maruggio per non sciupare il terreno dello Iacovone. Dellisanti farà le prove generali della formazione da mandare in campo domenica in Abruzzo. Sono ritornati disponibili per fine squalifica Scarpa e lo stesso Giorgino i quali, verosimilmente, ritorneranno al loro posto. Ma non si escludono altre soluzioni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400