Cerca

Gallipoli vuole la svolta testa rivolta all’Ancona

Prove tecniche di reazione durante l’amichevole disputata contro la Primavera di Giovanni De Pasquale (10-0). Il grande protagonista dell’amichevole del mercoledì è stato Artistico, che è andato a segno nel primo (tripletta affianco a Volpato) e nel secondo tempo (doppietta da spalla di Di Carmine). Completano lo score Volpato, Scaglia su rigore Di Carmine e due autoreti. Giannini ha insistito sul 3-5-2
Gallipoli vuole la svolta testa rivolta all’Ancona
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Prove tecniche di reazione durante l’amichevole disputata contro la Primavera di Giovanni De Pasquale (10-0). Da oggi pomeriggio (allenamento a porte chiuse) testa rivolta esclusivamente all’Ancona.

Il grande protagonista dell’amichevole del mercoledì è stato Mario Artistico, che è andato a segno nel primo (tripletta affianco a Volpato) e nel secondo tempo (doppietta da spalla di Di Carmine). Completano lo score Volpato, Scaglia su rigore (che martedì è diventato papà per la prima volta: è nato a Gallipoli il piccolo Leonardo), Di Carmine e due autoreti. Giannini ha insistito sul 3-5-2: probabile il rientro di Pallante (o Franchini). Non c’era ieri, ma dovrebbe esserci sabato, Alex Pederzoli (al suo posto Moro, poi sostituito nell’ultimo quarto d’ora dal «Principe»), fermo a scopo precauzionale insieme a Galeotti e Della Penna.

Al centro della difesa potrebbe essere confermato Massimiliano Tagliani, che in questi giorni ha ricevuto la convocazione dell’under 20 (da fuori quota) per il Quattro Nazioni (si gioca a Bassano del Grappa il 3 marzo alle 15 contro l’Austria). Giannini, che contro il Vicenza lo aveva sostituito nel primo tempo dopo appena 20 minuti, potrebbe affidare la regia difensiva ancora una volta al giovane prodotto del vivaio fiorentino: «Col Vicenza abbiamo subìto una bruttissima sconfitta. Essere sostituito presto non fa mai piacere, ma siamo partiti male e c’era bisogno sullo 0-2 di rischiare qualcosa in avanti. Il sacrificio è da accettare comunque, a maggior ragione quando è deciso per il bene della squadra». In azzurro Tagliani ha una storia che parte dall’under 16. «Ricevere un convocazione in azzurro fa sempre piacere. Anticamera dell’Under 21? Ci spero, però bisogna giocare con maggiore continuità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400