Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 06:59

«Gallipoli, ad Ancona la partita del riscatto»

Quel gol nella gara d'andata valse la prima vittoria del Gallipoli nella serie B di calcio.  Abbate, che di reti in carriera ne aveva fino ad allora fatte solo due, è già nella storia per quella inzuccata che stese l'Ancona. Come predica Giannini, però, il difensore guarda al passato ma punta dritto. «C'è la volontà  di cambiare pagina. Abbiamo grande voglia di riscatto, non vediamo l'ora che arrivi sabato»
«Gallipoli, ad Ancona la partita del riscatto»
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Quel gol nella gara d'andata valse la prima vittoria del Gallipoli in Serie B. Matteo Abbate, che di reti in carriera ne aveva fino ad allora gonfiate solo due, è già nella storia della squadra jonica per quella inzuccata che stese l'Ancona. Come predica Giannini, però, il difensore guarda al passato ma punta dritto. Ecco quindi che l'impegno contro la sua ex squadra (2 stagioni fa centrò la salvezza in C1 dopo i playout), diventa per Abbate una rivincita dopo la debacle di sabato scorso.

VOLTARE PAGINA - «C'è la volontà - ha detto il difensore - di cambiare pagina. Abbiamo grande voglia di riscatto, una voglia matta di andare subito in campo e non vediamo l'ora che arrivi sabato. Ad Ancona vogliamo disputare una gara all'altezza delle nostre qualità». La sconfitta contro il Vicenza, oltre che per le dimensioni (0-5), preoccupa perché ricalca un cliché stagionale: ogni volta che si prova a pensare a qualcosa in più rispetto a un campionato sul filo della zona playout (alla vigilia delle gare giocate con Lecce, Crotone, Ascoli e Vicenza), puntuale arriva un tonfo clamoroso (0-3 nel derby, 4-2 allo Scida, 1-4 contro l'undici di Pillon, 0-5 di sabato). Abbate non sa spiegarlo: «Non è facile trovare una ragione ai cali di tensione che abbiamo avuto in alcune partite. A ben guardare sono state 3 su 26 le partite che abbiamo sbagliato: il secondo tempo col Lecce e le gare casalinghe contro Ascoli e Vicenza. La cosa non è perciò così grave, perché nell'arco di un torneo è una cosa normale avere dei cali. Certo, queste nostre cadute rimbombano perché sono clamorose. Dobbiamo migliorare per avere maggiore continuità ed evitare questi tonfi. Sono sicuro che questi piccoli cali di tensione non comprometteranno il nostro cammino». 

PRIMA LA SQUADRA - È così concentrato sull'obiettivo collettivo, Abbate, che passano in secondo piano la gara dell'ex e il giudizio su una stagione che a livello individuale è più che positiva: «Ancona è una partita particolare per me, ma alla fine ci sono sempre 3 punti in palio. Sarà stimolante affrontare avversari come i marchigiani, che in casa non hanno mai perso, proprio in un momento così importante per noi. Raddoppieremo le energie e la carica. Un giudizio sulla mia stagione? Non è ancora il momento, perché sarà condizionato. Giudicherò il mio campionato in maniera positiva se il Gallipoli si salverà, altrimenti sarà stato tutto da rivedere». 

PRESIDENTE AMAREGGIATO - Ieri è tornato a farsi sentire il presidente del Gallipoli, Daniele D'Odorico, che non nasconde amarezza per l'indagine che la Procura di Lecce ha avviato sul suo conto (l'ipotesi di reato è truffa aggravata): «I calciatori vanno e vengono, come le società, ma la squadra resta. Ho sempre detto che se risulto indigesto alla città posso fare non uno ma tre passi indietro, ma non consentirò a nessuno, con il pretesto dell'offesa alla famiglia D'Odorico, di insidiare la squadra del Gallipoli. Andremo avanti fino alla fine e se ci saranno le condizioni anche oltre. L'ambiente stia tranquillo, i D'Odorico non hanno mai mancato un obiettivo, anche se non posso nascondere l'amarezza di ritrovarmi, per la prima volta nella mia vita, indagato in una città dove pensavo di essere venuto a fare un'azione meritevole di affetto. Siamo in una fase decisiva del campionato: per raggiungere il sogno di una permanenza in Serie B, il ruolo dell'ambiente intorno alla squadra è fondamentale. Ai tifosi chiedo di continuare a stare accanto alla squadra: la B è un'occasione unica che dobbiamo conservare». 

Oggi è in programma l'amichevole infrasettimanale contro la Primavera di Giovanni De Pasquale (ore 15 al Bianco).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione