Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 23:57

Ciclismo - McEwen in maglia gialla al Tour

Nella terza tappa, la prima con arrivo in Francia, ha vinto il transalpino Nazon, che ha beffato in volata il tedesco Zabel. L'australiano è arrivato terzo, ma è leader per un solo secondo su Fabian Cancellara grazie ai due racimolati in un traguardo volante. Frazione caratterizzata da una caduta (coinvolti anche Velo e Cipollini)
WASQUEHAL - Wasquehal porta scompiglio al Tour che già dopo tre tappe prende una nuova diversa fisionomia. Nella prima tappa con arrivo in Francia vince un francese, Jean Patrick Nazon (che aveva vinto a Parigi lo scorso anno), che beffa in volata un veterano come Erik Zabel. Robbie Mc Ewen arriva terzo ma indossa per la prima volta in carriera la maglia gialla per la differenza di un solo secondo nei confronti di Fabian Cancellara grazie ai 2" racimolati in un traguardo volante.
Hushovd lascia subito la maglia di leader che aveva messo ieri, «incastrato" anche lui come Mayo tra caduta e pavé che hanno caratterizzato la giornata e che li ha costretti a tagliare il traguardo con 3'53" di ritardo. Lo spagnolo è la prima «vittima" illustre di questo Tour, mentre Petacchi (bene Scarponi invece) continua a non essere competitivo e sprecare occasioni per vincere. Alla fine, dunque, la tappa che tutti temevano, alla vigilia della crono a squadre, si è rivelata insidiosa ed ha creato non poche novità confermando la forza di Armstrong e della sua squadra.
Soprattutto ha messo fuori gioco Iban Mayo, rimasto attardato a seguito di una caduta a 60 km dalla conclusione e trovatosi poi nel secondo gruppo dopo il pavé che ha fatto naturale selezione. Con lui anche la maglia gialla Hushovd, Mario Cipollini e tanti altri messi fuori causa dalla caduta ed impossibilitati a recuperare. Una caduta, su un tratto di pianura ma corso a ritmi forsennati per assicurarsi le prime posizioni in vista del pavé, che ha messo fuori gioco uno degli apripista nelle volate di Petacchi, Marco Velo (sospetta frattura alla clavicola) mentre sul tratto che tanto ricordava la Parigi-Roubaix, l'Us Postal si è messa in testa: Hincapie ha imposto un ritmo asfissiante che ha protetto Armstrong (alla sua ruota Ullrich) ed ha spezzato il gruppo in tre tronconi (in questo anche la maglia gialla Hushovd) mentre Mayo, rimasto coinvolto nella caduta (vistosa escoriazione alla gamba sinistra per lui), inseguiva con un altro gruppo (presente anche Cipollini, coinvolto anch'egli senza conseguenze nella caduta).
Il vantaggio è considerevole (circa 2') e così Us Postal, Phonak e TMobile decidono di tirare a tutta per rosicchiare secondi preziosi allo stesso Mayo, indicato da Armstrong come uno dei suoi principali rivali insieme a Ullrich. L'operazione riesce, tanto che sul traguardo gli «arancioni" dell'Euskaltel, i verdi della Credite Agricole e gli altri arrivano con 3'53" di ritardo rispetto al vincitore. Con loro anche Paolo Bettini che continua a rinsaldare la sua leadership in testa alla classifica della maglia a pois. Il corridore toscano della Quick Step si è piazzato al terzo posto (considerata la fuga di Voigt e De Groot durata per 160 km e che ha toccato un massimo vantaggio di 6'30") nei due Gpm della giornata dimostrando di essere in buone condizioni. Peccato per la caduta che ha visto coinvolto anche lui a 60 km dalla conclusione.
Domani, intanto, è in programma una tappa che tutte le formazioni temono: la cronometro a squadre. Si parte da Cambrai, si arriva ad Arras dopo 64,5 km ed al termine della gara la classifica sarà rivoluzionata ed inizierà a prendere le sembianze in attesa delle montagne.

Questo l'ordine d'arrivo della terza tappa del Tour de France 2004, con arrivo a Wasquehal

1. Jean Patrick Nazon (Fra) 4h36'45"
2. Erik Zabel (Ger) s.t.
3. Robbie Mc Ewen (Aus) s.t.
4. Tom Boonen (Bel) s.t.
5. Kim Kirchen (Lux) s.t.
6. Danilo Hondo (Ger) s.t.
7. Jan Kirsipuu (Est) s.t.
8. ALESSANDRO BERTOLINI (ITA) s.t.
9. FABIO BALDATO (ITA) s.t.
10. Josè Enrique Gutierrez (Spa) s.t.

Questa la classifica generale del Tour de France dopo la terza tappa:

1. Robbie Mc Ewen (Aus) 13h42'34"
2. Fabian Cancellara (Svi) a 1"
3. Jens Voigt (Ger) a 9"
4. Jean Patrick Nazon (Fra) a 12"
5. Lance Armstrong (Usa) a 16"
6. Danilo Hondo (Ger) a 22"
7. Erik Zabel (Ger) a 23"
8. Josè Ivan Gutierrez (Spa) s.t.
9. Levi Leipheimer (Usa) a 24"
10. Oscar Pereiro Sio (Spa) a 25"

24. MICHELE SCARPONI (ITA) a 33"
39. ALESSANDRO PETACCHI (ITA) a 42"
41. MICHELE BARTOLI (ITA) a 43"
42. IVAN BASSO (ITA) s.t.
71. GILBERTO SIMONI (ITA) a 56"

MAGLIA VERDE: Mc Ewen (Aus)
MAGLIA A POIS: BETTINI (ITA)
MAGLIA BIANCA: Cancellara (Svi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione