Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 22:21

Formula 1 - Lo spagnolo Alonso su Renault in "pole" al Gp di Francia

MAGNY COURS (Francia) - Fernando Alonso, alla terza pole position in carriera, batte tutti a Magny Cours. Quello dello spagnolo è un exploit inaspettato, in un giorno che sembrava scritto per le Ferrari, le Williams, le McLaren e le Bar. E invece è stata una Renault, nella corsa di casa, a prendersi la 35ª pole di scuderia, relegando con una beffa Michael Schumacher in seconda posizione, causa un giro non perfetto come al solito. Formula 1 Fernando Alonso - Renault
Sognava la 61ª prima piazza in carriera, Schumacher, per avvicinare ancora di più l'unico record che gli manca, le 65ª pole di Ayrton Senna, e invece l'impresa non gli è riuscita: una piccola sbavatura, un leggero attimo di indecisione per una macchina e un pilota che sembrano correre sui binari, mentre le altre monoposto hanno un andamento scivoloso, incerto, con continue correzioni di traiettoria. Una volta tanto è toccato al campione del mondo rimediare, ma non è stato sufficiente per rispondere allo splendido giro di Alonso, davvero perfetto, in una stagione che sta dando molte soddisfazioni alla scuderia francese e a Flavio Briatore, gli unici che hanno tolto dal gradino più alto del podio, quest'anno, a Montecarlo, alla Ferrari e a Schumi, sebbene con l'italiano Jarno Trulli.
I distacchi sono minimi, rispetto al tempo dello spagnolo, 1'13"698. Il tedesco della Ferrari è dietro di 273 millesimi, la nuova McLaren Mercedes di David Coulthard di 289, la Bar Honda di Jenson Button di 297, la Renault di Trulli di 372, la Bmw Williams di Juan Pablo Montoya di 474, la Bar di Takuma Sato di 542, la Williams di Marc Genè, sostituto di Ralf Schumacher, di 577, la McLaren di Kimi Raikkonen di 648.
L'altra Ferrari di Rubens Barrichello è solo 10ª, a 780 millesimi, ma il brasiliano è dovuto uscire per primo, dopo avere saltato la prequalifica per un problema idraulico. Un buon giro, il suo, tutto sommato, anche considerando che potrebbe avere optato come altre volte su un carico di benzina maggiore rispetto al compagno di squadra: rassegnarsi a partire più indietro, insomma, per una strategia da rimonta in corsa, impresa che gli è riuscita altre volte.
Il test ha comunque detto che le debuttanti del mondiale, la MP4/19B di Coulthard e Raikkonen, per una volta non appiedati dal motore, e le Williams di Montoya e Genè sono tornate competitive, anche se un calo improvviso del colombiano nel terzo settore (era in pole nei primi due, era stato il più veloce in prequalifica con il record della pista in 1'13"377) gli ha impedito di prendersi la 12ª prima piazza della carriera. Va detto anche che solo le due Ferrari, nei primi 10, sono gommate dalla Bridgestone. Forse il circuito di casa è favorevole alla francese Michelin, e dunque il risultato delle rosse va comunque valutato positivamente.
Domani Schumi cerca la nona vittoria su 10 gare della stagione e la 79ª in carriera, la Ferrari la 173ª della propria storia.
Diretta su RaiUno alle 13,40.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione