Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 22:59

Micco rialza il Foggia «Ci tireremo fuori»

Ritrovare un minimo di autostima, la capacità di non arrendersi prima di averli giocati, questi dodici spareggi per guadagnare la permanenza in Prima Divisione di calcio dopo aver accarezzato per tre anni consecutivi l’idea della promozione in serie B frenata solo alla roulette dei play off. È questo uno degli aspetti che va maggiormente approfondito per una squadra che si prepara alla trasferta di Ravenna di sabato
• Taranto, mancano dieci gol
• Andria, una sosta opportuna
• Potenza, allarme per Tesoniero
Micco rialza il Foggia «Ci tireremo fuori»
di Filippo Santigliano

Foggia - Ritrovare un minimo di autostima, la capacità di non arrendersi prima di averli giocati, questi dodici spareggi per guadagnare la permanenza in «prima divisione» dopo aver accarezzato per tre anni consecutivi l’idea della promozione in serie B frenata solo alla roulette dei play off.

E’ questo uno degli aspetti che, accanto al lavoro tecnico ed atletico, va maggiormente approfondito per un Foggia che si prepara con applicazione alla trasferta di Ravenna, sabato prossimo, per la partita di recupero da giocare contro una squadra che è reduce da due sconfitte consecutive (Taranto e Verona in trasferta) e che attende il Foggia per rilanciarsi nella zona playoff.

E’ evidente, dunque, che la condizione della squadra rossonera va inquadrata soprattutto dal punto di vista psicologico. La sconfitta interna contro la Ternana, proprio perché maturata a conclusione di una prova tutto sommato accettabile, potrebbe avere più di qualche contraccolpo sul piano della tenuta dei nervi e dell’autostima. Da questo punto di vista, dunque, Ugolotti è chiamato insieme ai giocatori più esperti di questa squadra ad un recupero delle energie mentali perché solo con la convinzione nei propri mezzi, ed oggi ci sono anche se il tempo è ridotto, il Foggia sarà in grado di potersi tirare fuori dalle sabbie mobili e conquistare quella permanenza che è l’obiettivo minimo per una piazza che porta allo stadio, anche con traguardi di basso profilo, più spettatori di numerose squadre di serie B.

Da questo punto di vista l’analisi di un giocatore esperto come Micco non fa una grinza: «Abbiamo le potenzialità per tirarci fuori da questa situazione difficile. E’ un peccato aver perso domenica dopo una buona prestazione. In fondo, a parte la gara interna contro l’Andria, non abbiamo mai demeritato e la nostra classifica è oggettivamente bugiarda perché avremmo meritato qualche punto in più, ma è chiaro che a questo punto del campionato e con le poche gare a disposizione dobbiamo cercare di correre e di fare punti anche col Ravenna, squadra tra le più forti del girone».

Nel frattempo la squadra ieri ha sostenuto una doppia intesa seduta con una partitela a ranghi misti. Non arrivano notizie confortanti sulle condizioni del centrale Di Dio, che ha lavorato a parte insieme all’infortunato Basta e all’attaccante Mattioli. Contro i romagnoli mancherà il forte centrocampista Visone, ma rientra Quadrini, laterale di attacco, fresco di riconferma nella squadra azzurra di categoria under 20 per la partita di Mirop Cup in programma il 17 febbraio a Gradisca d’Isonzo tra Italia e Slovenia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione