Cerca

Pulsarino è sempre al comando del campionato regionale di vela

Ma il vero protagonista della sesta tappa è il vento. Per la prima volta dall’inizio del torneo, i velisti non sono costretti a rimandare la partenza per assenza di «aria»: nella quinta tappa, infatti, Eolo soffia forte. Anche troppo. Durante un’improvvisa strambata il boma dell’imbarcazione «Brava Giulia» colpisce il timoniere che, ferito alla testa, viene immediatamente soccorso dal personale del 118. Nulla di grave per l’atleta
Pulsarino è sempre al comando del campionato regionale di vela
TARANTO - Pulsarino mantiene la vetta, ma il vero protagonista della sesta tappa del campionato regionale di vela è il vento. Per la prima volta dall’inizio del campionato, i velisti non sono costretti a rimandare la partenza per assenza di «aria»: nella quinta tappa, infatti, Eolo soffia forte. Anche troppo.

Durante un’improvvisa strambata, infatti, il boma dell’imbarcazione «Brava Giulia» colpisce il timoniere che, ferito alla testa, viene immediatamente soccorso dal personale del 118. Nulla di grave per l’atleta, solo spavento. Paura anche dopo la collisione accidentale tra le due imbarcazioni «Buccia di Banana» e «Paperinik», ma per fortuna solo danni agli scafi: nessuno regatante rimane ferito. Al termine della gara Pignatelli, al comando di Pulsarino del circolo velico Ondabuena di Taranto, riesce a mantenere il primo posto della classifica, ma il distacco dal numero due Jebedee è di solo un punto. Anche Alphard, guidato da Cosimo Buttiglione della sezione velica Marina Militare di Taranto, accorcia le distanze e si piazza a sette punti dalla testa. Insomma come annunciato alla vigilia della gara, il campionato regionale di vela si anima e si riapre proprio con l’arrivo del vento. La gara per la vittoria finale sembra destinata ad essere una sfida a tre: Pignatelli, Macina e Buttiglione.

Dopo la giornata, esprime soddisfazione Irene Lamanna, presidente di Taranto Turismo, partner della manifestazione sportiva insieme ad Aci, Amiu e B&B Albergo Lamanna. «Questa tappa ha dimostrato - ha commentato Lamanna – che l’organizzazione ha lavorato bene: di fronte ad alcuni imprevisti la macchina si è mossa senza intoppi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400