Cerca

Il Bari la spunta Palermo battuto

Cronaca della partita 
Nel 22° turno della serie A di calcio, i biancorossi partono forte e si portano sul 2-0 (5' Bonucci, 7' Alvarez). I siciliani non si danno per vinti: prima segna Cavani (28'), poi Pastore (54'). Espulso Liverani (55'), il Bari vince (4-2) con un rigore di Barreto (62') e una rete di Koman (85') 
• Le partite: Catania-Udinese in coda
• La classifica: Bari di nuovo in quota
• I cannonieri: Barreto, undicesimo gol
• Il prossimo turno: Atalanta-Bari
Il Bari la spunta Palermo battuto
BARI-PALERMO 4-2 (2-1 nel primo tempo)

BARI (4-4-2): Gillet 6; A.Masiello 5.5, Diamoutene 6, Bonucci 7, S.Masiello 5; Alvarez 7, Almiron 6 (29' st Donati 6), Gazzi 6, Allegretti 6.5 (21' st Koman 6.5); Castillo 5 (12' st Sforzini 6), Barreto 7. In panchina: Padelli, Belmonte, Stellini, Kamata. Allenatore: Ventura 6.
PALERMO (4-3-1-2): Sirigu 6.5; Cassani 5.5, Kjaer 6.5, Bovo 5.5, Balzaretti 6.5 (33' pt Melinte 4.5); Migliaccio 6 (39' st Simplicio sv), Liverani 4.5, Nocerino 6; Pastore 7; Miccoli 5.5 (21' st Hernandez 5.5), Cavani 6.5. In panchina: Brichetto, Goian, Bertolo, Budan. Allenatore: Rossi 6. ARBITRO: De Marco di Chiavari 6.
RETI: 5' pt Bonucci, 7' pt Alvarez, 28' pt Cavani, 9' st Pastore, 17' st Barreto (rig), 40' st Koman.
NOTE: Pomeriggio freddo, terreno in buone condizioni. Spettatori: 25.000 circa. All’11' st espulso Liverani per doppia ammonizione. Angoli: 3-2 per il Bari. Ammoniti: Liverani, Almiron, Cassani, Allegretti, Bovo. Recupero: 2'; 3'.

BARI – Il Bari torna a vincere, il Palermo frena. Al San Nicola finisce 4-2 un derby del Sud che mantiene le promesse di spettacolo e bel gioco e che alla fine premia i padroni di casa, bravi a sfruttare le occasioni giuste e gli errori degli avversari. Avvio sprint dei pugliesi, prima Bonucci e poi Alvarez vanno in gol nel giro di sette minuti, il Palermo sembra sulle gambe, ma si rialza e accorcia le distanze con Cavani mettendo sotto il Bari. Nella ripresa, al 9', arriva il pareggio di Pastore con un gran gol, i rosanero sembrano padroni del campo, ma Liverani si fa espellere e cambia la partita: il Bari ne approfitta colpisce con Barreto e Koman e sgambetta il Palermo che, quinto in classifica, non cadeva da sette turni (5 vittorie e 2 pareggi). Fa festa il Bari, dunque, che non vinceva da 4 partite (due pareggi e due sconfitte) e che voleva tornare al successo casalingo dopo il 2-2 con l’Inter che aveva fermato a 5 le vittorie consecutive interne. 

Nonostante le assenze di Ranocchia, Parisi e Meggiorni gioca a memoria la squadra di Ventura che si affida a Gazzi in mezzo al campo al fianco di Almiron, con Allegretti e Alvarez esterni e Castillo, al debutto dal primo minuto, in coppia con Barreto. Solito 4-3-1-2 per Rossi che deve rinunciare a Bresciano, ma che recupera Cavani e Simplicio. Il primo gioca al fianco del leccese Miccoli (fischiatissimo dal San Nicola), il secondo va in panchina, Rossi, infatti, conferma Pastore sulla trequarti. 

Il Bari parte forte, aggredisce il Palermo e gli fa subito male: al 5' Bonucci segna un gran gol sugli sviluppi del corner. Non passano neanche due minuti, Allegretti ruba palla a centrocampo a Liverani e innesca subito la corsa di Alvarez che, tutto solo sulla destra, batte Sirigu: 2-0 al 7'. Palermo alle corde, tutto facile per il Bari. Con il passar dei minuti, però, la squadra di Rossi si ritrova, Liverani prova a prendere in mano la squadra, Miccoli ha il suo derby personale da vincere, Cavani pressa chiunque e il Bari va un pò in difficoltà. 

Al 13' Miccoli centra l’incrocio con un esterno destro potente e preciso. Sfortunato il capitano rosanero, ma è il segnale che il Palermo è tornato in partica, ci prova anche con gli inserimenti dei centrocampisti, ma Migliaccio e Nocerino non trovano il gol. Al 24' qualche dubbio sul contatto Masiello-Cavani, l’uruguaiano finisce a terra, ma per l’arbitro è tutto regolare. Continua a giocar bene il Palermo e, al 28', viene premiato: Pastore serve Balzaretti che mette in mezzo dal fondo, Cavani anticipa tutti in scivolata e segna il gol che riapre la partita. La squadra di Rossi (cotretto a sostituire Balzaretti e ad inserire Melinte) continua a produrre calcio, ma il Bari è sempre pericoloso in contropiede (al 34' gol annullato a Castillo per l’off-side di Alvarez). Finsice 2-1 un bel primo tempo. 

Nella ripresa Palermo avanti, ma non a testa bassa. Quadrata la formazione di Rossi che sta attenta a non esporsi alle micidiali ripartenze dei baresi. Al 9' Pastore si inventa un gol da appluasi: dribbling con colpo di tacco in area e sinistro sul secondo palo che batte Gillet per il 2-2. Rimonta completata, ma quando il Palermo dà l’impressione di essere padrone del campo, Liverani, l’uomo di maggiore esperienza, commette la seconda clamorosa ingenuità della partita, rimediando il secondo giallo e lasciando il Palermo in 10 con ancora 35 minuti da giocare. 

Sbaglia anche Melinte che, al 15', atterra Andrea Masiello in area, il rigore c'è, De Marco lo concede, Barreto lo trasforma. Bari in vantaggio, Palermo di nuovo sotto e in inferiorità numerica. Rossi prova a giocarsi la carta Hernandez, fuori Miccoli. Il talento e la voglia di Pastore non bastano, squadra stanca e scoperta, arriva anche il 4-2, lo firma Koman dopo una grande giocata di Barreto. Finisce così. Il Bari torna alla vittoria dopo 4 partite e ferma la corsa del Palermo, alla seconda sconfitta sotto la gestione di Rossi, interrotta la serie di 7 risultati utili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400