Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 06:44

«Il Cras vuole la Coppa Italia e sogna i quarti di Eurolega»

La stagione del basket femminile inizia a «scaldarsi» anche per la guardia pugliese Siccardi. Dopo aver firmato un altro record in A1 con la striscia vincente lunga 14 partite e dopo l’assalto a Parma in prospettiva final four di Coppa Italia, Taranto andrà sul Bosforo per gli ottavi di finale di Eurolega, che le ioniche sinora non hanno mai giocato. Questa volta riuscirete a rompere il tabù Istanbul? «Abbiamo i numeri»
«Il Cras vuole la Coppa Italia e sogna i quarti di Eurolega»
di ALESSANDRO SALVATORE

TARANTO - Valentina Siccardi, guardia brindisina e unica pugliese del Cras, bisogna preoccuparsi per il calo mostrato dalla sua squadra negli ultimi 5’ del match di Coppa Italia, che ha permesso a Parma di risalire dal -17 al -6?

«Non è mai bello farsi rosicchiare un vantaggio cospicuo nel basket, specie quando il passaggio del turno si gioca tra l’andata ed il ritorno. Noi abbiamo perso qualche palla di troppo e non escludo un calo fisiologico che ha assicurato il ritorno di una squadra che, va detto, è tignosa e che dunque non molla mai. Ma non reciterei drammi. Il Cras c’è e non vuole regalare niente a nessuno. La Coppa Italia, la giochiamo per vincere. A partire dalla sottoscritta, che non l’ha mai alzata al cielo. La mia squadra c’è. Col fisico e con la testa. Aspettiamo il ritorno di sabato, col desiderio di imporci. Partiamo in vantaggio, come dice il nostro +6».

La stagione inizia a «scaldarsi» per la regina del basket femminile italiano. Dopo aver firmato un altro record in campionato con la striscia vincente lunga 14 partite e dopo l’assalto a Parma in prospettiva final four di Coppa Italia, volerete sul Bosforo per gli ottavi di finale di Eurolega, che Taranto sinora non ha mai giocato. Questa volta riuscirete a rompere il tabù Istanbul, che vi vede in svantaggio di 0-2?

«Prima una premessa e dopo una precisazione. La premessa è che ogni partita riserva un copione diverso e noi in questo caso partiamo cariche di ottimismo. La precisione riguarda la città turca. Istanbul ci ha stregato, ma per mano del Galatasaray, che sia nella finale di Europe Cup - 9 aprile scorso, ko al supplementare Ndr - che nella fase preliminare dell’Eurolega, abbiamo fatto soffrire. Ora davanti avremo un’altra corazzata, che è il Fenerbahce. Squadra fatta di pezzi importanti. Ma il Cras ha i numeri per giocarsela alla pari. Tutto può succedere sul parquet».

Come sta Valentina Siccardi eterna promessa del basket italiano?

«La schiena non mi dà tregua. Ma io lotto, chiedo sempre il massimo da me stessa e quasi mai sono soddisfatta. Ho voglia di vincere tanto. Con il mio Cras».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione