Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 09:46

Calcio - Il nuovo c.t. della Nazionale italiana è Marcello Lippi

ROMA - Franco Carraro resta alla guida della Federcalcio fino a scadenza contratto (marzo 2005), mentre Marcello Lippi Calcio Nazionale Italia Marcello Lippi è il nuovo commissario tecnico della nazionale al posto di Giovanni Trapattoni, che non è stato esonerato dal suo incarico che termina il prossimo 15 luglio. Sono le queste le decisioni assunte dal Consiglio federale della Federcalcio riunitosi oggi a Roma.
«La decisione del nuovo commissario tecnico della nazionale spetta al presidente federale - ha detto uscendo da via Allegri Adriano Galliani presidente della Lega calcio e amministratore delegato del Milan - se poi mi chiedete di Marcello Lippi io ne penso bene: è sbagliato esonerare Trapattoni così come si chiedeva da qualche parte».
Insieme a Galliani l'amministratore delegato della Juventus, Giraudo, che se l'è cavata un "no comment".
Irripetibile il giudizio del presidente della Roma, Franco Sensi, il quale si è limitato solo a dire che «la Roma sarà ancora grande». Un Sensi pimpante in vena di battute, pronto, insomma, a tenere testa al palazzo.
«Lippi ha tutte le qualità per fare bene; le sue preferenze e la sua esperienza sono di primo ordine; il ruolo di commissario tecnico è, però, un ruolo molto istituzionale», ha detto il presidente degli allenatori Aia, Azeglio Vicini. «La situazione è diversa rispetto all'82 e al '90 - ha aggiunto Vicini - oggi ci sono molti stranieri nel nostro campionato, diversamente dal passato. Così come sono aumentati gli impegni di Coppa: il compito di Lippi sarà più quello di sintesi rispetto a tale evoluzione che il lavoro in sé di commissario tecnico». La cosa importante è che a Marcello Lippi «deve essere data - ha concluso Vicini - la possibilità di lavorare con il più ampio sostegno».
Proprio al termine del Consiglio federale, il presidente Carraro è uscito forse per incontrare di persona Marcello Lippi e per portarlo in Federcalcio per la presentazione ufficiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione