Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 13:03

Cras, scocca il momento delle sfide che contano

Quattordici vittorie consecutive e vetta indiscutibile dopo la terza di ritorno dell’A1 femminile di basket. Taranto continua il suo dominio. Ma ora la questione-campionato finisce temporaneamente in archivio, perché le rossoblù si concentrano sul prossimo doppio impegno Coppa Italia-Eurolega. Dapprima c’è il quarto di finale di Coppa Italia con Parma, dove mercoledì è in programma l’atto primo del quarto (alle 17)
• Il duo Crispin-Thomas fa volare Brindisi
Cras, scocca il momento delle sfide che contano
di ALESSANDRO SALVATORE

TARANTO - Quattordici vittorie consecutive e vetta indiscutibile dopo la terza di ritorno dell’A1 femminile di basket. Il Cras continua il suo dominio nella stagione vissuta col tricolore sul petto. «È Taranto l’avversario da battere» dice Susanna Bonfiglio, uno dei migliori talento che il basket femminile italiano abbia mai prodotto (contribuì allo storico argento europeo firmato Sales nel 1992 ed è stata la prima italiana a sbarcare nella Wnba nel 2002), ma ora preda di un male cronico che ha radice nel ginocchio. Rimane il suo legame con Priolo, ultima squadra frustata dal quintetto di Roberto Ricchini al PalaMazzola: dell’anticipo di campionato.

Con 8 partite dell’arco regolare da onorare, il Cras ha un vantaggio di +6 sulle inseguitrici Schio e Faenza. Ora la questione-campionato finisce temporaneamente in archivio, perché le rossoblù si concentrano sul prossimo doppio impegno Coppa Italia-Eurolega. Previste nuove emozioni. Dapprima c’è il quarto di finale di Coppa Italia, che il Cras ha vinto nel 2003. «Come presidente l’ho solo agognata. Ora chiederò alla squadra di fare il possibile per regalarmela». Angelo Basile carica il gruppo in vista di Parma, dove dopodomani è in programma l’atto primo del quarto di finale (alle 17).

Le emiliane, nonostante la classifica precaria, restano tignose. Il Cras ha vivo il ricordo dell’edizione scorsa della Coppa, quando proprio Parma gli negò la finale. «Ora vogliamo vendicare quel ko», svela Karen David, tornata sui suoi livelli nel match vinto su Priolo (12 punti, 50% a tiro e 4 rimbalzi). Il pivot bronzo olimpico col Brasile nel 2000 sintetizza l’umore dello spogliatoio. I fatti dovranno concretizzarsi tra mercoledì e sabato, dove al PalaMazzola (ore 16,30) ci sarà il ritorno della sfida con le emiliane. Successivamente, il 2 febbraio, Taranto volerà in Turchia per la prima puntata degli ottavi di Eurolega col Fenerbahce Istanbul. Per il club è una tappa storica.

«L’avversario è duro, ma possiamo giocarcela alla pari», sottolinea il centro Rebekkah Brunson. Serve anche il suo talento per provare a scardinare una corazzata. In palio ci sono i quarti di finale, da conquistare al massimo in tre partite. Il 5 è previsto il ritorno al PalaMazzola, l’eventuale «bella» il 10 sul Bosforo. Qui il Cras il 9 aprile scorso fu affondato nella finale di Europe Cup dal Galatasaray. Una motivazione in più per cercare la nuova impresa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione