Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 21:21

La qualificazione arriva via radio: Olanda nei quarti

Gli arancioni chiudono subito la pratica Lettonia grazie a una doppietta di Van Nistelrooy (capocannoniere del torneo con 4 gol insieme con l'inglese Rooney) al 27' e al 35'. Fissa il punteggio sul 3-0 Makaay all'84 poco dopo la notizia del vantaggio della Rep. Ceca sulla Germania. Nei quarti, Svezia-Olanda e Rep. ceca-Danimarca
OLANDA-LETTONIA 3-0 (2-0)

Olanda (4-3-3): Van der Sar 6.5, Reiziger 6, Stam 7, De Boer 6, Van Bronckhorst 6, Seedorf 6.5, Cocu 6.5, Davids 6.5 (32' st Sneijder sv), Van der Meyde 6 (18' st Overmars 6), Van Nistelrooy 7 (25' st Makaay 6.5), Robben 6.5. (13 Westerveld, 23 Waterreus, 4 Bouma, 9 Kluivert, 11 Van der Vaart, 17 Van Hooijdonk, 21 Bosvelt, 22 Zenden). All. Dick Advocaat 6.5.
Lettonia (4-4-2): Kolinko 6.5, Isakovs 5, Zemlinskis 5, Stefanovs 5, Blagonadezdins 5, Bleidelis 6 (38' st Stolcers sv), Lobanovs 5.5, Astafjevs 5.5, Rubins 6, Prohorenkovs 5.5 (29' st Laizans 5.5), Verpakovskis 5 (17' st Pahars 5). (12 Piedels, 20 Pavlovs, 13 Pucinsks, 15 Smirnovs, 16 Zirnis, 18 Korablovs, 21 Miholaps, 22 Zakresevskis, 23 Rimkus). All. Aleksandrs Starkovs 5.
Arbitro: Nielsen (Danimarca) 6.5.
Reti: nel pt, 27' Van Nistelrooy (rigore), 35' Van Nistelrooy; nel st, 39' Makaay.
Angoli: 9-3 per l'Olanda.
Recupero: 1' e 2'.
Ammoniti: nessuno.
Spettatori: 29.000 circa.

** I GOL **

Olanda-Lettonia27' pt - Van Nistelrooy trasforma il calcio di rigore concesso per fallo di Zemlinskis su Davids, appena entrato in area dalla sinistra.
35' pt - Punizione di Seedorf dalla tre quarti, torre di Cocu sul secondo palo e deviazione aerea vincente di Van Nistelrooy, a pochi passi dalla porta, con la difesa lettone pietrificata.
39' st - Makaay controlla in mezzo all'area un bel pallone di Robben, fa fuori due difensori e batte con un preciso rasoterra Kolinko.

BRAGA (PORTOGALLO) - Trentacinque minuti con i piedi in campo per stendere la Lettonia (2-0, con doppietta di Van Nistelrooy) e 55 con l'orecchio appiccicato alla radio per avere buone notizie da Germania-Repubblica Ceca. Alla fine sono arrivate e gli arancioni, quelli in campo e i circa 20.000 sugli spalti hanno fatto festa, dedicando pure un coro ai Cechi, cui dovrebbero almeno spedire una cartolina di ringraziamento.
Quando si inizia, in uno stadio incastrato in un pezzo di montagna, a Braga, ci sono stati applausi per tutti, tranne il diluvio di fischi che ha sepolto il nome di Dick Advocaat, ct olandese, ormai detestato dal popolo. Basti per tutti quelli esposti, lo striscione che pendeva a favore di telecamera: «Lets Dick go home», vattene a casa. Nelle orecchie del tecnico sarà pure fischiato il boato al nome di Arjen Robben, il diciannovenne sostituito dal ct durante il match contro la Lettonia: fin lì, semplicemente, era stato il migliore in campo.
Subito dopo il fischio di Nielsen, l'arancione è diventato il colore debordante anche sul prato (visti i 20.000 sulle tribune) con la piccola Lettonia capace di spremere in 45 minuti un solo tiro verso la porta di Van der Sar (al 2' Verpakovskis sull'esterno della rete) e un calcio d'angolo. Olanda-LettoniaIl resto è stato assedio olandese, che ha trovato il primo varco su un'incursione di Davids (al 26') agganciato, appena entrato in area, da Zemilinskis: fallo nemmeno tanto necessario essendo l'ex juventino decentrato e con l'area intasata di gente. Van Nistelrooy ha realizzato il calcio di rigore, lavandosi la coscienza per il gol divorato al 13'. Il centravanti del Manchester United era stato messo davanti alla porta da uno splendido passaggio filtrante di Robben, il gioiello ripescato da Advocaat (e già comprato da Abramovich), ma aveva poi tirato addosso al portiere avversario in uscita: sveglio Kolinko (almeno quattro grandi voli), ma la situazione era da esecuzione. Per farsi ulteriormente perdonare, Nistelrooy ha buttato dentro anche il raddoppio, che ha blindato la partita già dopo 35': Seedorf ha calciato una punizione dalla tre quarti e l'attaccante ha deviato da pochi passi un'intelligente sponda aerea di Cocu, appostato sul secondo palo. Però la retroguardia lettone sarebbe stata da processare per direttissima.
L'avvio di ripresa ha portato gli unici pericoli dall'est: dopo 1'40» Rubins ha impegnato Van der Sar, con un tiro che poteva essere speso meglio, e tre minuti dopo Lobanovs ha sfiorato la base del palo. Dopo c'è stato il tempo per l'esordio di Makaay (al posto di Ruud), che ha segnato il 3-0, trasformando in un rasoterra imprendibile un bel servizio di Robben in area. La notizia buona però è arrivata dalla radio: Germania ko, Olanda ai quarti.

Classifica del Gruppo D dopo gli incontri della prima fase di Euro 2004

Germania-Repubblica Ceca 1-2
Olanda-Lettonia 3-0

Classifica Pt G V N P Gf Gs dif
1. Rep. Ceca (Q) 9 3 3 0 0 7 4 +3
2. Olanda (Q) 4 3 1 1 1 6 4 +2
3. Germania 2 3 0 2 1 2 3 -1
4. Lettonia 1 3 0 1 2 1 5 -4

Partite giocate in precedenza:
Rep.Ceca-Lettonia 2-1
Germania-Olanda 1-1
Lettonia-Germania 0-0
Olanda-Rep.Ceca 2-3

Classifica cannonieri del Campionato Europeo 2004

4 RETI: Rooney (Inghilterra); Van Nistelrooy (Olanda).
3 RETI: Tomasson (Danimarca); Zidane (1 rig.)(Francia); Baros (Repubblica Ceca); Larsson (1 rig.)(Svezia).
2 RETI: Henry (Francia); Lampard (Inghilterra); Cassano (Italia); Heinz (Repubblica Ceca); Ibrahimovic (Svezia).
1 RETE: Petrov (1 rig.) Bulgaria; Kovac, Prso, Rapaic (1 rig.),e Tudor (Croazia); Gronkjaer (Danimarca), Trezeguet (Francia); Ballack, Frings (Germania); Basinas (1 rig.),Charisteas, Karagounis (Grecia); Gerrard (Inghilterra); Perrotta (Italia); Verpakovskis (Lettonia); Bouma, Makaay, Smicer (Olanda); Cristiano Ronaldo, Maniche, Nuno Gomes, Rui Costa (Portogallo); Koller (Repubblica Ceca); Bulykin, Kirichenko (Russia); Morientes, Valeron (Spagna); Allback, Jonson, Ljungberg (Svezia); Vonlanthen (Svizzera).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione