Cerca

L’Enel Brindisi rischia ma «sbanca» Rimini

Nell'anticipo della Legadue di basket, pugliesi corsari (83-85) in Romagna. È stata una vittoria sofferta, ottenuta sul filo di lana, ma poteva benissimo essere un successo netto, per come si stavano mettendo le cose. L'ultimo quarto è tiratissimo: Riviera Solare non vuole mollare, mentre Brindisi gioca col fuoco, ma Crispin spegne il sogno biancorosso a 2 minuti dalla fine. Eliantonio manca il supplementare a 1" dalla fine
L’Enel Brindisi rischia ma «sbanca» Rimini
Riviera Solare Rimini-Enel Brindisi 83-85 

RIMINI: Scarone 14, Ebi 24, Moreno 5, Broglia 2, Zanus Fortes, Bernard 4, Gurini 9, Eliantonio 4, Myers 21. N.e. Dimitrov. All. Sacco.
BRINDISI: Radulovic 11, Crispin 26, Pinton 7, Maresca 7, Infante 8, Cardinali, Bryan 2, Thomas 24. N.e. Malagoli, Coviello. All. Perdichizzi.
ARBITRI: Pasetto, Aronne e Di Toro
Parziali: 24-21; 45-46; 72-72
NOTE: . Tiri liberi: Rimini 12/14; Brindisi 15/27. Tiri da due punti: Rimini 19/32; Brindisi 17/35. Tiri da tre punti: Rimini 11/35; Brindisi 12/31. Rimbalzi totali: Rimini 41; Brindisi 36. Uscito per 5 falli Maresca. Spettatori 2.600 circa.

di Andrea Perari

RIMINI - Brindisi corsaro in Romagna. È stata una vittoria sofferta, ottenuta sul filo di lana, ma poteva benissimo essere un successo netto, per come si stavano mettendo le cose.

Lo scenario, un 105 Stadium ghiacciato, è quello delle grandi occasioni, con i tantissimi tifosi biancazzurri a gremire una tribuna intera, per sostenere a gran voce l'Enel. Rimini non schiera Bennerman e Pecile, ma Gurini non li fa rimpiangere, visto che si presenta con due triple consecutive dall'angolo per il +5 biancorosso. Rimini lotta, ispirata da Ebi (12 punti in 8 minuti), e Brindisi non può fare altro che inseguire (22-15 all'8', 24-21 al 10').

L'organico decimato impone a Sacco la gestione delle risorse e così si riparte con lo stesso Ebi in panchina con 2 falli. Un problema, perché, nonostante Myers sia una spina nel fianco, l'ex Thomas è devastante e fa la differenza insieme al redivivo Crispin: il risultato è un pesantissimo 18-0 che ribalta il punteggio (32-45 al 16').

Rimini si piega ma non si spezza e i «grandi vecchi» Scarone-Myers ispirano un 11-0 che tiene aperta la sfida (43-45 al 19', 45-46 all'intervallo).

Rimini ci riprova anche dopo l'intervallo, quando Ebi firma il sospirato sorpasso, l'Enel risponde ancora una volta per le rime, un 10-0 che rimanda i padroni di casa a -9 (47-56). Ma il cuore biancorosso è indomabile e la sfida si riapre d'incanto sulla «tripla tripla» di Myers e quella di capitan Scarone, che firmano l'ennesimo sorpasso (64-59 al 27'). Il vantaggio regge fino allo scadere, quando è un altro ex, stavolta Pinton, a infilare i 3 punti del 72-72.

L'ultimo quarto è tiratissimo: Riviera Solare non vuole mollare, mentre Brindisi gioca col fuoco, ma Crispin spegne il sogno biancorosso a 2 minuti dalla fine, quando da 80-77 si passa a 80-84. Scarone segna (82-84), ma poi sbaglia il libero del pareggio (83-84) e dopo l'1 su 2 di Pinton (83-85) è Eliantonio a mancare il supplementare a 1" dalla fine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400