Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 02:32

Basket Martina  «La Due Esse è da playoff  Montemurro può aiutarci»

«Riteniamo che con Gianni Montemurro possa arrivare la scossa necessaria per consentire alla Due Esse di uscire dall’anonimato e ritornare in corsa per i playoff». Il presidente Michele Muschio, dopo la reazione della squadra nel derby di Massafra, all’indomani del divorzio con Bifulco. «Abbiamo un gruppo validissimo per la categoria - ha ribadito il presidente - purtroppo nell’andata ci siamo ritrovati di fronte ad una serie di infortuni
Basket Martina  «La Due Esse è da playoff  Montemurro può aiutarci»
di PASQUALE D’ARCANGELO 

MARTINA - «Riteniamo che con Gianni Montemurro possa arrivare la scossa necessaria per consentire alla Due Esse di uscire dall’anonimato e ritornare in corsa per i playoff». Il presidente Michele Muschio, dopo la reazione della squadra nel derby di Massafra, all’indomani del divorzio con Bifulco. «Abbiamo un gruppo validissimo per la categoria - ha ribadito il presidente - purtroppo nell’andata ci siamo ritrovati di fronte ad una serie di infortuni, rinunciando tra l’altro a Gallazzi per quasi 3 mesi, e il cammino si è fatto più incerto. Ora è caduta anche la tegola Raffaelli, sospeso per essere risultato positivo alla fedrina nell’esame antidoping dopo il match col Bari. E ci ritroviamo di fronte ad un bivio, alla vigilia della chiusura del mercato: finora abbiamo cercato un 4, che potesse dare il cambio a Ciampi, l’unico a non avere alternative dall’inizio della stagione, ma ritengo dovremo cercare un cecchino, che sappia dare lo stesso contributo di punti della guardia argentina, alle prese con il suo procuratore a dirimere la spinosa questione doping». 

Non perde tempo la società bluarancio, dopo aver deciso con Bifulco la risoluzione del contratto. Tant’è che ha fatto arrivare l’esperto allenatore friulano, Gianni Montemurro, all’indomani della buona prestazione contro il Massafra, affrontato dai soli Valentini, Maggioni, Zampogna, Santoro, Rollo e Gallazzi, con un tributo minimo dei giovanissi La sorte e Convertino, per le contemporanee indisponibilità degli infortunati Ciampi e Brigo e di Raffaelli, sospeso appunto. 

«Con il patron Scatigna e gli altri membri del direttivo - ha annunciato Muschio - abbiamo optato per la scelta di Montemurro, che negli ultimi 8 anni ha vinto due campionati, centrando l’ultima promozione a Cagliari due anni fa. A parte le buone referenze e una carriera ricca di soddisfazioni, in giro per tutta l’Italia, ci ha convinto la determinazione dell’uomo e del tecnico, pronto a dare alla squadra, ricca di importanti individualità, quel giusto amalgama per poter lottare alla pari con tutti, senza differenza tra le partite in casa e in trasferta. Ma anche a dare una scossa a tutto l’am - biente, che com’è noto ha grandi aspettative da parte di questo gruppo, afflitto purtroppo da una serie di vicissitudini sfortunate e negative». 

Si cambia registro. E Montemurro è pronto a prendere il testimone direttamente dal ds Valzani, che insieme al viceallenatore Cito ha guidato il traghettamento dopo il divorzio con Bifulco, nuovamente ringraziato per la disponibilità a trovare un’intesa per la risoluzione del contratto. «Martina è ormai una piazza ambita da tutti - ha detto - e malgrado bisogna recuperare gli infortunati Ciampi e Brigo e far ritrovare il ritmo a Gallazzi, credo si possa trovare il giusto equilibrio per poter recuperare e rilanciare nelle prossime settimane l’obiettivo playoff. La prima cosa da fare però è valutare la situazione Raffaelli, perché sul mercato si può prendere solo un rinforzo. E se rischiamo di perdere a lungo un uomo come l’argentino che mette la palla a canestro, forse è necessario fare uno sforzo in questa direzione, provando a sostituirlo». 

Anche Valzani è sembrato d’accordo, pur mettendo le mani avanti: «In questo mercato di fine gennaio non è facile trovare gente pronta». Ma Muschio un altro rinforzo lo vuole a tutti i costi. «Spero che potremo trovare il sostituto di Raffaelli, da buttare subito nella mischia fin dalla prossima sfida con il Corato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione