Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 23:23

Il presidente del Gallipoli «Voltare pagina alla svelta»

La squadra deve assolutamente ascoltare il consiglio lanciato dal tecnico Giannini e ricominciare a correre verso la salvezza nella serie B di calcio. Ieri ha speso parole importanti anche la proprietà. Giovanni e Daniele D’Odorico sono intervenuti, a cominciare dal padre, tifoso doc dell’Udinese, che sabato si è incollato alla tv per seguire i giallorossi. Anche per lui la sconfitta con l’Ascoli è stata una delusione cocente
Il presidente del Gallipoli «Voltare pagina alla svelta»
di STEFANO LOPETRONE

GALLIPOLI - Voltare pagina. E in fretta. Il Gallipoli deve assolutamente ascoltare il consiglio lanciato da Beppe Giannini e ricominciare a correre verso il guado della salvezza. Ieri ha speso parole importanti anche la proprietà. Giovanni e Daniele D’Odorico sono intervenuti con una nota che parte dalle parole del padre, tifoso doc dell’Udinese, che sabato si è incollato alla tv per seguire i giallorossi.

Anche per lui la sconfitta con l’Ascoli è stata una delusione cocente, soprattutto per come è arrivata: «Devo ammettere che ci sono rimasto molto male. Mi sono ripetutamente domandato dove fosse finita quella che, a buon diritto, veniva considerata una delle squadre meglio organizzate sui campi della serie cadetta. Visto che in campo c’erano gli stessi calciatori che avevano battuto il Modena, devo dedurre che si sia trattato di uno stop mentale, probabilmente motivazionale. Prestazioni così scialbe devono essere immediatamente dimenticate: bisogna invertire subito la rotta per evitare ulteriori brutte figure. Solo ripetendo i buoni risultati tecnici e morali messi in evidenza nel girone d'andata potremo, alla fine del campionato, ricambiare l’entusiasmo e la passione dei nostri tifosi, encomiabili nel sostenere la squadra anche nei momenti di maggiore difficoltà».

MESSAGGI Da Udine arrivano messaggi forti e chiari. Il primo è indirizzato soprattutto ai calciatori di maggiore esperienza: «Da loro mi aspettavo tanto. Noi ci fidiamo ciecamente di loro; la società crede in maniera indiscussa non soltanto in un loro rendimento personale di buon livello, ma anche nell’importantissimo ruolo di “guide” nei confronti dei giovani che abbiamo messo loro accanto. Sono certo che a Cesena ci riscatteremo». Il patron Giovanni cerca di trasmettere le proprie forti motivazioni ai calciatori: «Questo è il momento topico del campionato. Io sono sceso in campo in prima persona per aiutare mio figlio, contribuendo a razionalizzare l’organigramma societario, proprio perché mi sento di credere nella salvezza di una società ben strutturata e ambiziosa. Vorrei trasmettere questa mia determinazione a tutti gli atleti. A questo punto mi attendo dei segnali visibili di ritrovata armonia».
Il secondo flash è dedicato al Principe: «Cercherò di assecondare ogni sua richiesta per potenziare l’organico, compatibilmente alle esigenze di bilancio. Il rafforzamento del Gallipoli calcio, affidato ai nostri responsabili di mercato e dell'area tecnica, avverrà in strettissimo contatto con lui».

NOTIZIARIO Ieri Giannini ha guidato una doppia seduta di allenamento. Il tecnico romano deve fare i conti con qualche indisponibilità: anche ieri sono stati tenuti a riposo precauzionale Franchini e Mounard, ai quali si è aggiunto anche il portiere Koprivec. D’Aversa è invece tornato ad allenarsi, ma ha lavorato a parte. Oggi intanto è in programma la consueta amichevole infrasettimanale contro la Primavera: appuntamento al «Bianco» alle ore 15.
MERCATO È saltato lo scambio Magliocchetti-Franchini. La Triestina, dopo 20 giorni di rassicurazioni, all’ultimo momento ha cambiato idea, invece di Luca Franchini ha chiesto Roberto D'Aversa. Richiesta che ha fatto saltare tutto: i due giocatori, per ora, restano nel Salento. Nel frattempo arrivano i primi rinforzi. Flavio Lazzari, centrocampista classe ‘86 cresciuto nella Lodigiani, è un calciatore del Gallipoli: arriva dal Vicenza, ma è di proprietà dell’Udinese, con la formula del prestito. Oggi sarà il primo giorno in giallorosso di Claudio Della Penna, attaccante classe 1989 che sarà tesserato con la formula del prestito con diritto di riscatto. Davide Mandolini è ormai ad un passo dal Lecco. Willy Pianu chiede un biennale ed i probabili acquirenti (Lecco, Pergocrema e Vicenza) desistono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione