Cerca

Latiano, l'Eccellenza in testa per tornare ai fasti del passato

Tre anni fa una nuova dirigenza ha acquisito il titolo del club di calcio della cittadina brindisina. Ha prima ristrutturato il settore giovanile e poi ha rilevato il titolo di Seconda categoria. Nel campionato in corso è al quarto posto, a soli due punti dalla vetta della classifica. Il seguito degli appassionati c'è, come è sempre stato (circa 500 paganti nelle gare interne). Il direttore generale Fabio Carbone: «Attivi anche nel sociale»
Latiano, l'Eccellenza in testa per tornare ai fasti del passato
BARI - L'Us Latiano fa sul serio. Nel primo anno di Seconda Categoria di calcio ambisce alla promozione. La seconda giornata di ritorno ha confermato il momento di grazia della squadra allenata da Franco Ribezzi. La vitttoria per 4-2 a Brindisi ha portato a quattro le vittorie consecutive e ha consentito di limare il distacco dalla vetta della classifica grazie anche al successo della Juventina Lecce sul Cisternino (entrambe in testa a quota 33) e alla sconfitta del Noci (32) in casa col Montalbano. Il Latiano adesso ha 31 punti, a sole due lunghezze dalle battistrada.

La marcia in questo campionato è cambiata a dicembre con l'ingaggio di cinque calciatori (di cui tre attaccanti). Era quello che serviva per completare un organico che vanta la miglior difesa del campionato (e che ha subito soltanto due sconfitte). Ma il progetto nasce da lontano: tre anni fa la nuova dirigenza ha rilevato il club (fondato nel 1976) con l'intenzione di tornare ai livelli già raggiunti una decina di anni fa (è stato anche in Eccellenza nel 1999-2000 e nel 2000-2001). I presidenti Pierpaolo Gemma e Mino Miglietta (insieme con tutta la dirigenza) hanno dapprima ristrutturato il settore giovanile e poi (lo scorso anno) rilevato il titolo di Seconda Categoria dal San Giorgio Jonico.

La città di Latiano (circa sedicimila abitanti) ha sempre sostenuto il calcio. La dimostrazione sta nel numero di spettatori presenti allo stadio per le partite (oltre 500). «Quando c'è un progetto serio - afferma il direttore generale Fabio Carbone - la gente si appassiona e ci segue. C'è una tifoseria organizzata (gli Irriducibili, ndr). E, poi, al di là dell'aspetto agonistico, c'è da sottolineare le iniziative messe in atto nel sociale. Abbiamo sottoscrtitto accordi con tutte le case-famiglia del paese e con i servizi sociali».

Il seguito, dunque, c'è. tanto che la pagina dell'Us Latiano su Facebook vanta 257 utenti ed è costantemente aggiornata (risultati, classifiche, quadri societari, foto). Si discute spesso, nel pre e nel post partita. Nella speranza di poter vincere il campionato. Le possibilità ci sono. Il calendario proprone nel ritorno le sfide interne con Juventina Lecce e Cisternino (col Noci invec si giocherà in trasferta). Per sapere come andrà a finire basterà connettersi (anche all'indirizzo: http://www.uslatiano.com). (g.f.c.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400