Cerca

L'Enel Brindisi piazza il poker vittoria giunta grazie al collettivo

Casale Monferrato non può fare altro che accettare la supremazia degli uomini di coach Perdichizzi nella Legadue di basket maschile. È stata la più bella partita giocata nel corso della stagione. C’era molta attesa per lo scontro di ieri. Non fosse altro perché dal Piemonte erano giunti proclami di «guerra». Per certi versi battaglia è stata. Soprattutto sotto le plance. Tutti pronti a far valere i muscoli
• A1 femminile: Taranto fa «tredici»
L'Enel Brindisi piazza il poker vittoria giunta grazie al collettivo
ENEL BRINDISI - CASALe Monferrato 90-82

ENEL BRINDISI: Crispin 21 (2/5, 5/8), Maresca 2 (1/3, 0/2), Thomas 19 (5/8, 1/1), Radulovic 12 (3/3, 2/3), Bryan 16 (7/10); Pinton 3 (0/2, 1/2), Infante 4 (2/4), Cardinali 13 (1/1, 3/4), Coviello n.e., Malagoli n.e., Vorzillo n.e. All. Perdichizzi.
FASTWEB CASALe MONFERRATO: Levin 9 (2/4, 1/3), Pierich (0/1, 0/1), Fantoni 8 (3/7), Jackson 28 (7/10, 3/7), George 13 (5/6, 1/4); Ferrero 2 (0/1, 0/1), Rossetti 3 (0/1, 1/1), Chiotti 12 (5/7, 0/1), Cournooh 7 (2/3, 1/1), Tagliabue n.e.. All. Crespi.
ARBITRI: Masi, Federici, Giovanrosa.
Parziali 23-21, 43-45, 72-63, 90-82
Note - Tiri liberi: Br 12/14 , Cas 13/18. Rimb.: Ene 28 (Thomas e Bryan 7), Fas 27 (Chiotti 9). Ast.: Br 11 (Cardinali e Crispin 4), Fas 4 (Levin 3). Spett. 3000 circa.

Brindisi - L’Enel, con il quintetto di partenza (Crispin, Maresca, Thomas, Radulovic, Bryan, tutti in doppia cifra) infila un poker d’assi e la Fastweb, avversaria ieri sera al PalaElio, non può fare altro che accettare la supremazia degli uomini di coach Giovanni Perdichizzi.

È stata la più bella partita giocata nel corso della stagione che ha «bruciato» il girone d’andata.

C’era molta attesa per lo scontro di ieri. Non fosse altro perché dal Piemonte erano giunti proclami di «guerra». Per certi versi battaglia è stata. Soprattutto sotto le plance. Tutti pronti a far valere i muscoli. La lotta sotto i tabelloni ha visto prevalere (28 rimbalzi) i brindisini di una sola palla catturata in più. Ma quel continuo lavorare allargando i gomiti è stato uno spettacolo avvincente.

Nel primo quarto gli uomini di Perdichizzi fanno intendere a chiare lettere che non c’è trippa per gatti, nonostante i piemontesi non rinunciano a lottare. Crespi si affida a Mats Levin ed a Nicholas George per tentare di scardinare la decisa difesa dell’Enel, ma le contromisure adottate dal tecnico siciliano tolgono il respiro agli avversari e, sebbene di soli due punti (23-21), Brindisi chiude in vantaggio i primi dieci minuti di grande spettacolo cestistico.

Nel secondo quarto, la gara si fa ancora più spigolosa. Il pick and roll della Fastweb è arma micidiale. Brindisi va sopra di otto lunghezze (39-31), ma il quintetto avversario trascinato da uno splendido Jackson riesce a rimontare e a mettere davanti il naso (43-45). Al 18’28”, l’arbitro commina un tecnico (al 18’ 28”, 43-40) a Radulovic.

Alla ripresa delle ostilità è l’Enel ad infilare la strada giusta, costringendo la Fastweb alla rincorsa. Sa manovrare come mai s’era visto finora la formazione di Perdichizzi, grazie ad un eccellente gioco di squadra. Crispin è bravo nel distribuire i palloni, ma sono anche altrettanto bravi i suoi compagni nell’affrontare con molta determinazione Levin e soci. Cardinali, poi, è stratosferico nel piazzare due triple consecutive, dagli angoli opposti, dando così l’impressione della forza dell’Enel.

Si arriva all’ultima frazione. I padroni di casa hanno nove lunghezze di vantaggio, dopo il canestro da sotto misura di Bryan, da gestire. E lo fanno nel migliore dei modi, atteso che, nonostante la disperata pressione del quintetto piemontese, non permettono a Jackson di arrivare ad uno scarto inferiore alle sei lunghezze (84-78). Il ritmo, con il trascorrere dei secondi, nonostante la stanchezza affiori in tutti, non accenna a diminuire. Crispin infila dalla grande distanza e fa saltare in piedi tutto il popolo del PalaElio che «sente» vicino il momento del successo. È Thomas (un’altra grande partita la sua, come d’altronde quella dei suoi compagni) ad infilare l’ultimo canestro della serata, quello che sancisce il 90-82 che equivale alla quarta vittoria consecutiva.

Franco De Simone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400