Cerca

Foggia in emergenza ma recupera Salgado

Il neo acquisto c’è (Troise), ma senza transfer non può giocare; Ferrari e Trezzi sono squalificati; della rosa di partenza mancano 4 giocatori appena ceduti (Di Roberto, Cuomo, Tarantino e Compierchio). È in queste ristrettezze, con un organico di appena 16 giocatori, che i dauni si apprestano ad affrontare nella Prima Divisione di calcio l’Andria di Papagni, tecnico che qualche stagione fa vicinissimo ai rossoneri
• Andria, chi va in porta?
• Taranto, tre dubbi per Rimini
• Potenza, due novità a Ravenna
Foggia in emergenza ma recupera Salgado
FOGGIA - Il neo acquisto c’è (Troise), ma senza transfer non può giocare; Ferrari e Trezzi sono squalificati; della rosa di partenza mancano 4 giocatori appena ceduti (Di Roberto, Cuomo, Tarantino e Compierchio). È in queste ristrettezze, con un organico di appena 16 giocatori, che il Foggia si appresta domani ad affrontare l’Andria di Aldo Papagni, tecnico che qualche stagione fa sembrava vicinissimo alla panchina rossonera.

È una sfida per la sopravvivenza, entrambe sono in ripresa ma ancora impelagate nei bassifondi della classifica. Dopotutto, in due punti sono invischiate otto formazioni, il primo passo falso e si torna subito sotto. Il Foggia vuole capitalizzare il calendario favorevole e la serie di scontri diretti (domenica prossima c’è il Lanciano) per mettere in cascina punti-salvezza.

Tuttavia il momento è di quelli delicati, non foss’altro perché siamo nel mezzo di una campagna acquisti/cessioni che potrebbe distrarre più di qualche calciatore. Il Foggia appare in questo momento come un terminal di arrivi e partenze. Ai quattro che hanno già salutato, potrebbe aggiungersi qualche altro. Si dice che il prossimo sia Salgado, richiesto da un paio di formazioni di B anche se lui dal suo sito ha appena dichiarato «amore eterno» al Foggia.

Il cileno è comunque il protagonista annunciato del derby. Rientra dopo due turni di squalifica, vorrà farsi perdonare dai tifosi che lo hanno pesantemente accusato di infedeltà durante Foggia-Verona prima della pausa natalizia per l’espulsione di Ferrara. È l’unica novità prevista in formazione e dopotutto, anche se volessero, Porta e Pecchia non potrebbero inventarsi granchè gli effettivi a disposizione.

Resta tuttavia il rebus di una maglia, quella che ha indossato Trezzi a Giulianova sulla corsia di destra. Il favorito sembra essere Quadrini, ma nelle ultime ore prende quota la nomination di Mattioli che appare finalmente ristabilito e recuperato dal lungo infortunio.

Destinato ad essere rinviato invece l’inserimento di Goretti sulla mediana di centrocampo. Un’idea che i tecnici coltivano da tempo (date le sue caratteristiche tecniche) ora applicabile con l’arrivo dell’esperto Troise che fa il paio in termini di esperienza e praticità con l’ex perugino.

Un piano destinato a modificare l’assetto tattico, dal logoro 4-2-3-1 nel quale il Foggia si schiererà pure contro l’Andria, al 4-3-3. Tra qualche settimana potrebbe essere un altro Foggia, ma ora bisogna gestire la realtà.

[m.lev.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400