Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 16:01

Gallipoli, gioia e orgoglio Fa un mezzo capolavoro

Nel posticipo della ventunesima giornata della serie B di calcio, i salentini tornano al successo (1-0) col Modena. La rete di D'Aversa arriva al 71'. Con questo risultato i pugliesi raggiungono quota 28 in classifica. Nessuno, in estate, ci avrebbe scommesso un euro: al giro di boa, i salentini hanno un punto in più rispetto al Torino e sono a ridosso di Modena, Brescia e Frosinone. Prossimo turno: Gallipoli-Ascoli
• Giannini raggiante: «Ma io già penso all’Ascoli»
• Il dg Iodice: «Compriamo un attaccante»
• Le squalifiche in serie B
Gallipoli, gioia e orgoglio Fa un mezzo capolavoro
Gallipoli-Modena 0-0 

GALLIPOLI (4-4-1-1): Sciarrone 7; Sosa 6.5, Tagliani 7, Grandoni 6 (20’ st Pianu 6), Scaglia 6; D’Aversa 7 (38’ st Taurino ng), Pederzoli 7.5, Viana 7, Mounard 7; Mancini 7; Di Carmine 5.5 (44’ st Ginestra ng). A disp.: Koprivec, Moro, Smit, Maritato. All. Giannini 7.
MODENA (3-5-2): Alfonso 5; Gozzi 5.5, Perna 5 (35’ st Diaguraga ng), Rickler 5; Giampà 5.5 (38’ st Napoli ng), Pinardi 5.5, Colucci 5.5, Troiano 5, Tamburrini 5; Bruno 4.5, Catellani 5 (45’ st Girardi). A disp.: Silvestri, Cortellini, Ricchi, Spezzani. All. Apolloni 5.
ARBITRO: Ciampi di Roma 5.
RETI: 26’ st D’Aversa.
NOTE: campo scivoloso. Spettatori e incasso non comunicati. In tribuna l’ex presidente Vincenzo Barba, il tecnico ed il dirigente del Lecce, Gigi De Canio e Claudio Fenucci. Ammoniti: Catellani per comportamento non regolamentare. Angoli: 7-5 per Gallipoli. Recupero Tempo: 2’ pt; 4’ st.

di STEFANO LOPETRONE

LECCE - A metà dell’opera, il Gallipoli contempla un mezzo capolavoro. Nessuno, in estate, ci avrebbe scommesso un euro: al giro di boa, i salentini si presentano con 28 punti, uno in più rispetto al Torino e a ridosso di Modena, Brescia e Frosinone (guarda caso tutte e tre sconfitte dai giallorossi). Entusiasmo alle stelle per i tifosi del Gallipoli, che all’uscita dal Via del Mare, hanno anticipato il Carnevale improvvisando caroselli per le vie limitrofe allo stadio.

A risolvere la partita ci ha pensato la giocata d’anticipo di D’Aversa, che fissa il risultato finale sull’1-0. Uno score che è ampiamente sottodimensionato per i padroni di casa, costantemente superiori al Modena in ogni zona del campo. E se non fosse stato per una sciagurata decisione della terna arbitrale, che al 12’ ha annullato un gol regolare a Viana, la partita avrebbe potuto mettersi su binari più tranquilli già da subito. Giannini opta per il 4-4-1-1. Mancini è la scheggia impazzita dello schieramento: a lui il compito di contrastare la fonte del gioco modenese, Colucci, e di assistere l’unica punta giallorossa Di Carmine. La sorpresa tattica è D’Aversa in posizione d’esterno destro, a conferma della duttilità del centrocampista, ieri uomo-partita e autentico uomo-squadra, nonostante radiomercato lo voglia in procinto di partire per abbassare il monte-ingaggi (come Mounard). Giannini ottiene due effetti: il predominio sulle fasce, con Mounard in grande spolvero, e il costante possesso del pallone. Luigi Apolloni risponde confermando le previsioni della vigilia. Il suo 3-5-2 è molto bloccato, tanto da fare apparire la linea difensiva una barriera insormontabile, composta da cinque elementi ai quali si aggiunge Colucci. Atteggiamento conservato incomprensibilmente (tre difensori contro un solo attaccante e poca protezione all’esterno) fino al vantaggio dei padroni di casa. Ma ormai era troppo tardi.

I timori della vigilia, alimentati dall’emergenza difensiva al cospetto di uno dei bomber più pericolosi della cadetteria, Bruno, si dissolvono al fischio iniziale: la retroguardia è attenta, con il giovane Tagliani a confermare la propria affidabilità. Bruno e Catellani sono imbrigliati. Del primo si ha traccia solo nella ripresa: al 12’, quando spara a botta sicura trovando però il riflesso dell’ottimo Sciarrone sul primo palo, e al 34’, ma il suo colpo di testa sfiora il palo. Del secondo, si registrano solo tentativi velleitari e poca sostanza. Il Modena, che ieri si giocava il quarto posto, è tutto qui. Troppo poco per un Gallipoli in giornata straordinaria: pronti via e Di Carmine spreca dopo appena 35” una buona occasione (non sarà l’unica purtroppo). Al 12’ D’Aversa fa le prove generali, ma Ciampi annula il gol di testa e fa ripetere il calcio di punizione battuto a sorpresa di Scaglia. Sulla ripetizione, è Viana a svettare sulla difesa dei canarini ed insaccare la sfera, ma l’assistente alza la bandierina e l’arbitro annulla: l’uruguaiano è in posizione regolare, al contrario del connazionale Sosa, che parte al di là della linea e si ritrova tra la palla e il portiere (almeno secondo la terna) e quindi in posizione di fuorigioco attivo. Per tutto il primo tempo si segnalano solo giocate ed azioni degli jonici: qualche tiro di Mounard (autore di un’ottima prova), una pericolosa rovesciata di D’Aversa, una conclusione debole di Di Carmine. L’occasione più ghiotta per andare in gol ce l’hanno però gli ospiti al 28’, ma è un’azione fortuita: Grandoni sbaglia il disimpegno, sugli sviluppi dell’azione Tamburrini sballa il tiro a tu per tu con Sciarrone.

Il gioco del Gallipoli è spumeggiante, tanto nel controllo del possesso, quanto nelle ripartenze. Proprio nelle situazioni di contropiede verranno costruite le fortune della ripresa, in particolare dopo il gol che sblocca la partita: Pederzoli pesca con uno splendido lancio l’inserimento di D’Aversa, abile ad anticipare di testa Perna e il portiere Alfonso (che uscita scellerata!). è il 26’ del secondo tempo e praticamente la partita si chiude. Il Modena si affaccia nell’area di rigore avversaria con la forza della disperazione (Apolloni inserisce tardivamente Girardi e Napoli), ma solo al 37’ è pericoloso (testa di Bruno). Per il resto è spettacolo-Gallipoli, i cui contropiedi sono da manuale. Il guaio è che manca, come spesso accade in questa stagione, l’ultimo colpo: Di Carmine spreca la ripartenza al 29’ ed al 34’, Mancini al 31’.

• I risultati: il Lecce sempre in testa
• La classifica: Ancona secondo a -2
• I cannonieri: D'Aversa, primo gol stagionale
• Il prossimo turno: anticipo Ancona-Lecce

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione